Ombra del terrorismo, i dialoghi di Touray Intercettati sulle chat del canale Telegram: «Pregate per me, sono in missione»


«Sono in missione, dovete pregare per me». Ecco i dialoghi tra Touray Alagie, il 22enne fermato con l’accusa di partecipazione all’Isis, e alcuni utenti attraverso le chat di Telegram. Lo scorso 24 aprile il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Napoli ha convalidato il fermo del ragazzo e ha disposto la misura cautelare in carcere. Le indagini, condotte da Digos e Ros, però, proseguono serrate. L’obiettivo degli investigatori, coordinati dalla procura di Napoli, è quello di ricostruire tutti gli aspetti legati alla vicenda e in particolare il percorso di radicalizzazione e di reclutamento di Touray Alagie. Le forze dell’ordine, infatti, stanno verificando amicizie e conoscenze del 22enne. 

dg

—->>> Sullo stesso argomento leggi il seguente approfondimento:

«Giuro di prestare fedeltà al Califfo», indagini su Alagie partite dalla Spagna Video recuperato da esperti informatici

giovedì, 26 aprile 2018 - 12:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA