Investì e uccise una donna di 48 anni, Diele condannato a 7 anni e 8 mesi L’attore ha recitato anche in Acab

L'attore Domenico Diele condannato per omicidio stradale

Sette anni e otto mesi di carcere per Domenico Diele, l’attore che nella notte tra il 23 ed il 24 giugno dello scorso anno investì, alla guida della sua macchina, la 48enne Ilaria Dilillo che viaggiava in scooter. E’ la condanna stabilita dal giudice per le indagini Piero Indinnimeo del Tribunale di Salerno all’esito del processo che si è definito con il rito abbreviato (formula che prevede lo sconto di un terzo della pena). Accolta la richiesta del pubblico ministero Elena Cosentino, che aveva chiesto otto anni. Diele è stato ritenuto colpevole del reato di omicidio stradale: subito dopo l’incidente (avvenuto sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria all’altezza dello svincolo di Montecorvino Pugliano) Diele venne portato all’ospedale di Salerno per gli accertamenti di rito, risultando positivo sia ai cannabinoidi che agli oppiacei. L’attore non era presente alla sentenza. C’era invece l’avvocato Michele Tedesco, legale della famiglia di Ilaria: «L’unico sollievo per un padre che ancora oggi dorme nel letto della figlia è quello di aver avuto una sentenza a meno di un anno dalla morte».
Domenico Diele, 32enne di origini senesi ma trapiantato a Roma, venne arrestato e portato in carcere. Rimase detenuto per dodici giorni, salvo poi ottenere i domiciliari a casa della donna con l’obbligo del braccialetto elettronico. Sei mesi più tardi anche quella misura restrittiva è caduta e Diele è attualmente libero.
Volto emergente del cinema e della fiction, Diele era impegnato – al momento dell’incidente mortale – nelle riprese del film ‘Una vita spericolata’ del regista Marco Ponti. Prima ancora ha recitato in diverse pellicole, tra cui Acab, e in alcune serie di successo della tv, come 1992 e Don Matteo.

—>>> Leggi anche: 

Il nuovo Governo e i temi di Giustizia, l’analisi di Alessandro Barbano: «Rischio barbarie processuale» | L’intervista

lunedì, 11 giugno 2018 - 17:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA