Canada, sparatoria e terrore: rimasti uccisi due poliziotti


Due poliziotti rimasti uccisi. C’è tensione e rabbia a Fredericton, nell’area orientale del Canada, in queste calde ore di indagini dopo una sparatoria che ha provocato l’allerta della cittadina che conta circa 60mila abitanti.
La notizia che due poliziotti siano rimasti uccisi è stata comunicata dalla stessa polizia, che però non ha divulgato l’identità delle vittime. Alcuni testimoni oculari hanno raccontato all’emittente Cbc che la sparatoria è avvenuta in un complesso di appartamenti e che apparentemente una persona ha sparato da una finestra con un fucile. Su Twitter, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha dichiarato che le notizie di Fredericton «sono terribili» e che il governo sta «seguendo la situazione». Per la sparatoria c’è già un fermato.
Ha 48 anni l’uomo che ha ucciso in Canada due poliziotti e due civili. La polizia di Fredericton, nel News Brunswick, ha fornito le generalità del fermato, Vincenz Raymond, specificando che l’uomo deve rispondere di quattro capi di omicidio di primo grado. Le vittime si chiamavano: Robb Costello di 45anni, Sara Burns di 43 anni; Donnie Robichaud, di 42 anni, e Bobbie-Lee Wright, di 32 anni. Costello e Burnes prestavano servizio in Polizia.

—->> Segui tutti i lanci sulla sparatoria
Canada, la polizia invita i cittadini a non uscire di casa. Quattro i morti
– Canada, c’è un fermato per la sparatoria

venerdì, 10 agosto 2018 - 16:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA