Incidente sull’A1, padre e figlio di 10 anni morti carbonizzati: la madre si salva per miracolo, è sotto choc


Li ha visti morire senza poter fare nulla. Ennesima tragedia sulle strade italiane questa mattina. Un padre e il figlio di dieci anni sono morti carbonizzati a seguito di un incidente stradale in cui sono rimasti coinvolti. La mamma del piccolo è riuscita a scendere per tempo dall’abitacolo, grazie all’aiuto di una pattuglia della Stradale arrivata sul posto dopo l’incidente. Ma ha visto morire sotto i suoi occhi il marito e il figlio. La donna, Ester di 35 anni, è stata portata in ospedale in stato di shock. In ospedale anche uno degli agenti che ha soccorso la donna: ha riportato lievi ustioni.
La terribile storia arriva da Orvieto. L’incidente si è verificato sulla carreggiata nord dell’Autosole tra Orvieto e Fabro. Le vittime, residenti a Caiazzo nella provincia di Caserta, sono Michele Melillo (lavorava alla Fagianeria di Piana di Monteverna) e il figlio Marcello. La famiglia era diretta a a Genova per sottoporre il bimbo a una visita medica la famiglia. I Melillo viaggiavano a bordo di una macchina che si è scontrata con un tir che si è ribaltato e ha preso fuoco. Dalle prime ricostruzioni della dinamica, sembrerebbe che il tir – che trasportava pasta – ha improvvisamente sbandato agganciando con il rimorchio l’auto, che in quel momento lo stava sorpassando. L’auto è quindi stata scagliata contro il new jersey centrale in metallo. Potrebbero essere state le scintille provocate dal forte urto, insieme alla rottura dei serbatoi di entrambi i mezzi, a causare il rogo che non ha lasciato scampo a padre e figlio. Il camionista, di origini bulgare, è risultato negativo agli esami di droga e alcol. E’ rimasto ferito in maniera lieve, come la connazionale che viaggiava con lui.

. (Aggiornamenti: arrestato il camionista)

mercoledì, 29 agosto 2018 - 15:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA