Corruzione a un agente della penitenziaria Cassazione conferma condanna per Cosentino

Nicola Cosentino

E’ stata confermata dalla Cassazione la condanna a 4 anni di reclusione per Nicola Cosentino, ex coordinatore del Popolo della Libertà in Campania ed ex sottosegretario all’Economia del governo guidato dal cavaliere Silvio Berlusconi. La Suprema Corte ha confermato l’entità della pena stabilita dalla Corte d’Appello di Napoli il 17 ottobre 2017, modificando solo l’estensione dell’interdizione in perpetuo dai pubblici uffici che è stata sostituita con l’interdizione temporanea per 5 anni. Cosentino, dopo gli ultimi 4 anni trascorsi tra carcere e domiciliari, è tornato in libertà lo scorso febbraio. Questa condanna si riferisce all’accusa di aver corrotto un agente della polizia penitenziaria in servizio nel carcere napoletano di Secondigliano. In questo modo Cosentino avrebbe ottenuto l’introduzione in carcere di beni come generi alimentari, vestiti e un ipod il cui ingresso non era consentito.  «Prendo atto della sentenza della Corte di Cassazione, ma non la condivido. Ribadisco che nel caso concreto contestato a Nicola Cosentino non c’era assolutamente la corruzione». Così l’avvocato Agostino De Caro, legale insieme a Stefano Montone dell’ex sottosegretario all’Economia, commenta la decisione della Suprema Corte.

giovedì, 13 settembre 2018 - 17:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA