Castellammare, così nell’ex bar del clan D’Alessandro si fa la lotta alla camorra:
il ‘Circolo della Legalità’ si presenta

Il circolo della legalità a Castellammare di Stabia

Si terrà il prossimo 5 novembre la conferenza stampa di presentazione delle attività che saranno svolte all’interno del Circolo della Legalità di Castellammare di Stabia (in provincia di Napoli), in corso Garibaldi. Contestualmente sarà illustrato anche il progetto di Adozione Sociale promosso e finanziato dalla Regione Campania e gestito dal coordinamento regionale campano di ‘Sos Impresa’ Rete per la Legalità.

Ad illustrare il progetto sarà il presidente nazionale ‘Sos Impresa’, Luigi Cuomo in compagnia del commissario regionale antiracket e antiusura della Campania, Franco Malvano e di Raffaele Cavaliere, figlio di Michele Cavaliere ucciso a Gragnano nel 1996 a cui è dedicato il Circolo. Parteciperà anche il vicesindaco di Castellammare di Stabia, Catello Radice.

Il Circolo della Legalità, inaugurato solo nel febbraio del 2018, è pronto a partire con un anno ricco di iniziative che puntano soprattutto al recupero dei ragazzi e alla lotta alla camorra. In quello che un tempo era il bar dei D’Alessandro, clan di Castellammare di Stabia, saranno ospitati incontri ludico – ricreativi, religiosi, teatrali e tanto altro ancora. Diverse associazioni avranno la possibilità di utilizzare i locali del Circolo della Legalità Raffaele Cavaliere per svolgere le proprie attività.

Leggi anche: 
– Andrea, morto sul lavoro a soli 18 anni: era al primo impiego, c’è un primo indagato come atto dovuto
– Avvocato crea falso testamento, condannato a 2 anni e 3 mesi | Il caso
– Roma, incendio in un ospedale nella notte. Tutti i pazienti trasferiti in altri nosocomi, attivata unità di crisi dalla Regione
–  Stop prescrizione, c’è l’emendamento: Bonafede gongola, la Lega temporeggia e i penalisti proclamano lo stato di agitazione
– Il quarto indagato per l’omicidio di Desirèe Mariottini vuole i domiciliari Napoli, all’interrogatorio di garanzia tace dinanzi al gip
– Bagagli a mano, l’Antitrust ferma Ryanair. Ma c’è già chi ha pagato il supplemento, la compagnia aerea promette ricorso

sabato, 3 novembre 2018 - 12:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA