Accordo di Governo sulla prescrizione: i penalisti rispondono con 4 giorni sciopero e la protesta di piazza a Roma


Quattro giorni di astensione. Dal 20 al 23 novembre. E una manifestazione nazionale a Roma. L’Unione delle Camere penali italiani aveva annunciato la ‘lotta dura’ contro la riforma della prescrizione che tanto vuole il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e ‘lotta dura’ sarà. A poche ore di distanza dall’annuncio di Matteo Salvini e dello stesso Alfonso Bonafede sull’accordo per la riforma sullo stop della prescrizione dopo la sentenza di primo grado (che entrerà in vigore ma l’anno prossimo, sempre che in 12 mesi non ci siano delle sorprese), l’Ucpi guidata dall’avvocato romano Gian Domenico Caiazza proclama lo sciopero. «No alla controriforma della giustizia penale – dicono gli avvocati – Penalisti in astensione in difesa della Costituzione».

Non solo: il 23 novembre, giornata conclusiva dell’astensione, tutti gli avvocati che aderiranno all’iniziativa scenderanno in piazza a Roma per «affermare e difendere l’idea liberale e costituzionale della giustizia penale». Alle riforme in materia di processo penale che il Governo vuole attuare, i penalisti rispondono la richiesta avanzata al Governo di affermare ben altri principi: «Giusto processo, terzietà del giudice, ragionevole durata dei processi, presunzione di non colpevolezza, libertà personale, funzione rieducativa della pena».

«L’Unione delle Camere Penali – si legge nella nota con la quale si comunica l’astensione – ritiene necessario procedere a una forma di protesta più radicale al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica, tutte le sedi di giurisdizione, le istituzioni parlamentari e governative sulla grave situazione di pregiudizio per le libertà individuali, denunziando la svolta illiberale che si intende imprimere al processo penale».

Sulla scelta di ‘rimandare’ l’entrate in vigore la riforma della prescrizione è intervenuta anche l’Associazione nazionale dei magistrati (clicca sul link per leggere l’articolo). 
(sul numero di domani, venerdì 9 novembre, del quotidiano digitale – il giornale vero e proprio che completa l’informazione del sito – realizzeremo un altro approfondimento sul tema. Potrete vedere tutte le prime pagine del nostro giornale accedendo alla sezione del sito ‘prima pagina’ o scegliere di abbonarsi – un mese costa 10 euro – per leggerci accedendo alla sezione del sito ‘Sfoglia il Quotidiano’).

Leggi anche:
– Prescrizione, il magistrato Galgano su ‘Repubblica’: «Per fermare le lentezze dei processi controllate i magistrati»
Prescrizione, c’è l’accordo Lega-grillini: resta il blocco dopo la sentenza di primo grado, ma se ne parla tra un anno. L’analisi del compromesso. 
– Truffa per 4 milioni ai danni di famiglie, anziani e risparmiatori, arrestati due promotori finanziari ed un imprenditore
– Messenger, su Facebook si potranno cancellare i messaggi inviati: la nuova funzione che imita WhatsApp
– Revisione autoveicoli, la guardia di finanza scopre evasione per 6 milioni di euro
– Porte modificate e grate per spacciare, militari smontano fortino nel Napoletano
– Salerno e provincia, spaccio e detenzione: emesse 11 ordinanze cautelari
– Droga, oltre 50 arresti tra Milano, Genova, Roma e Cagliari. Sequestrati beni per 4 milioni e 270 chili di stupefacenti
– Pernigotti, dopo 160 anni chiude lo stabilimento di Novi Ligure: 100 licenziati, addio gianduiotti. Sindacati in rivolta

giovedì, 8 novembre 2018 - 14:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA