Francia, strage ai mercatini di Natale: terrorista ammazzato dalla polizia


E’ finita. La fuga del terrorista, che ha ucciso tre persone martedì scorso ai mercatini di Natale di Strasburgo in Francia, è terminata questa sera. Cherif Chekatt è stato ucciso dalla polizia. Secondo le prime fonti, l’uomo è stato ucciso dalla polizia in un magazzino di Rue Du Lazaret, lo stesso quartiere di Neudorf dove si erano perse le sue tracce la sera dell’attacco. Nello stesso quartiere era presente un grande dispiegamento di forze dell’ordine: l’uomo «ha sparato su un gruppo di agenti che hanno risposto al fuoco».  Secondo la stampa locale, l’attentatore avrebbe sparato per primo contro un’auto della polizia e con sè aveva anche un coltello.

Secondo il sindaco di strasburgo, Roland Ries ai ai microfoni della radio francese ‘France Info’: «L’annuncio dell’uccisione di Cherif Chekatt, intorno alle 21, è un grande sollievo. Ottima notizia che permetterà ai cittadini di ritrovare più facilmente le loro abitudini, il loro modo di vita e i propri valori. Avevamo già deciso di riaprire il mercatino di Natale. Questa notizia ci conforta nella nostra decisione. La minaccia pesava come una spada di Damocles e perturbava i cittadini. Aumenteremo la sicurezza al mercatino ma la logica generale resta la stessa». E’ chiaro, aggiunge il sindaco di Strasburgo, «che c’è una concentrazione nella nostra area» di persone pericolose «forse a causa della vicinanza con il confine. E’ chiaro che le cose non si fermano dall’oggi all’indomani. Intanto siamo felici per l’esito della vicenda. Ora possiamo tornare alle nostre abitudini di vita. E’ la nostra cultura, il nostro modo di vita che è preso di mira dai terroristi».

Intanto nel pomeriggio, nell’ambito dell’azione investigativa per la ricerca dell’uomo, era stato arrestato un suo amico che gli aveva dato ospitalità la notte prima dell’attentato.

giovedì, 13 dicembre 2018 - 22:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA