Inter punita per i cori razzisti contro Koulibaly: due gare a porte chiuse, una terza con un settore senza spettatori

(foto Kontrolab)

Obbligo di disputare due gare prive di spettatori e ulteriore gara con il settore secondo anello verde privo di spettatori. Il giudice sportivo Gerardo Mastrandrea della serie A firma la sanzione contro l’Inter per i cori razzisti contro il calciatore del Napoli Kalidou Koulibaly in occasione della partita Inter-Napoli conclusasi con la vittoria dei nero-azzurri per una rete.
Il club, si legge nella motivazione, è stato sanzionati per «cori insultati di matrice territoriale, reiterati per tutta la durata della gara, nei confronti dei sostenitori della squadra avversaria, provenienti dalla grande maggioranza dei tifosi assiepati nel settore indicato e percepiti anche in tutto l’impianto» e al tempo stesso «per coro denigratorio di matrice razziale» indirizzato al difensore del Napoli.

L’episodio ha scatenato una raffica di polemica, soprattutto perché era arrivata dal Napoli la richiesta di sospendere la partita a causa dei cori. Cosa che non è accaduta. Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, si è scusato con Koulibaly a nome dei milanesi: «Quei ‘buu’ a Koulibaly sono stati una vergogna. Un atto vergognoso nei confronti di un atleta serio come lui, che porta con fierezza il colore della sua pelle. Chiedo scusa a Kalidou Koulibaly, a nome mio e della Milano sana che vuol testimoniare che si può sentirsi fratelli nonostante i tempi difficili in cui viviamo». Sala ha poi lanciato anche una proposta dal forte valore simbolico chiedendo all’Inter che, in occasione della prossima partita contro l’Empoli, «la fascia di capitano sia data a Asamoah».

«Non mi piace, per mia natura, pensare a cosa devono fare gli altri per risolvere i problemi della società in cui viviamo – ha spiegato il primo cittadino di Milano. Preferisco sempre partire da cosa devo fare io. E in questo caso farò una cosa molto semplice. Continuerò ad andare a vedere l’Inter, ma ai primi buu farò un piccolo gesto, mi alzerò e me ne andrò. Lo faro’ per me, consapevole del fatto che a chi ulula contro un atleta nero non fregherà niente di me. Ma lo farò».

Leggi anche sullo stesso argomento:
– Inter-Napoli, tre arresti per gli scontri. Il Questore: «Agguato ignobile da parte degli ultrà dell’Inter, divieto di trasferte»
– Inter-Napoli, scontri tra tifosi: deceduto un 35enne dell’Inter, investito da un van

giovedì, 27 dicembre 2018 - 17:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA