Pompei, domani la riapertura al pubblico della Schola Armaturarum dopo il restauro


Dopo oltre 3 anni di lavori, la Schola Armaturarum del parco archeologico di Pompei (Napoli) torna visitabile al pubblico. Sarà presentato domani, infatti, alle 11, dal direttore generale Massimo Osanna, insieme ai restauratori Ales che hanno seguito gli interventi di recupero degli affreschi, il progetto di riapertura della cosiddetta casa dei Gladiatori. Un piano che, come precisano dal parco archeologico, rientra in un più articolato progetto di fruizione e di musealizzazione della Schola Armaturarum che consentirà di vedere i dipinti e gli oggetti nel loro luogo di rinvenimento.

La casa dei Gladiatori situata nella nota via dell’Abbondanza all’interno degli scavi di Pompei era diventata il ‘simbolo’ dei crolli delle domus. Il 6 novembre 2010 questo luogo storico e amato dai turisti collassò gettando nello sconcerto il mondo della cultura e della politica. Dopo quel tragico evento e il dissequestro delle aree vicine alla domus, il parco Archeologico avviò nel 2015 un grande progetto di restauro dell’edificio, che oggi da simbolo dei crolli diventa l’emblema del rilancio del sito. Nell’incontro con la stampa in programma domani, i restauratori illustreranno nei dettagli l’intervento sugli affreschi e gli ambienti retrostanti la casa, oggetto dell’ultima campagna di scavo che ha contribuito a chiarire la funzione di questo edificio. La Schola Armaturarum fu costruita pochi anni prima dell’eruzione e ospitava la sede di un’importante associazione di stampo militare. All’interno della casa, gli affiliati si riunivano per programmare le attività militari e i giochi che si sarebbero svolti nella Palestra Grande o nell’Anfiteatro. Il sito ha un ampio salone chiuso sulla via da una grande transenna lignea, che era stata ricostruita sulla base delle impronte lasciate nella cenere. All’interno, sugli incassi delle pareti, erano presenti scaffali dove erano esposte le armature e i trofei militari

Leggi anche:
– Napoli, la compagna vuole lasciarlo e lui le mette il guinzaglio al collo: fermato e condannato, ma è già libero
Il petardo raccolto da terra gli esplode tra le mani, bimbo di 11 anni perde le dita di una mano | Il fatto a Villaricca
– Napoli, funicolare di Chiaia ferma per un’ora: ira dei cittadini, il sindaco parlava di ‘capitale dei trasporti’ per il 2019
– Cinque Stelle, imprenditore di Alghero lascia e lancia un nuovo movimento: i ‘Gilet gialli’ partono da Alghero
– Cinque Stelle, botto di Capodanno: espulsi i senatori De Falco e De Bonis, e gli eurodeputati Valli e Moi | Le motivazioni
– Migranti, odissea senza fine: nessun porto per le due ong tedesche con a bordo 49 migranti, in mare da 11 giorni

mercoledì, 2 gennaio 2019 - 14:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA