Di cosa parliamo oggi nel quotidiano digitale | Venerdì 4 gennaio 2019


La prima del quotidiano digitale di oggi. I temi sui quali abbiamo condotto un approfondimento. La Giustizia sempre al centro della nostra informazione.

Ecco alcuni dei temi approfondimenti nel quotidiano digitale:
Migranti e sicurezza | L’apertura del nostro quotidiano non poteva non essere dedicato ad un approfondimento sul dibattito politico che sta infiammando questo gelido inizio del 2019. La rivolta di alcuni sindaci, la presa di posizione del sindaco di Napoli che addirittura assicura di avere pronte 20 imbarcazioni per soccorrere i migranti in mezzo al mare (qualora raggiungano il porto di Napoli), la reazione di Salvini, il Pd, la guerra dei sindaci contro i sindaci. Tutto questo mentre la Sea Watch è ancora in mare e senza porto per sbarcare. Per capire come stanno le cose, cosa è accaduto ieri, quali sono le posizioni.

Giustizia allo sfascio in Veneto | I numeri di un’emergenza sono contenuti in un dossier che sarà inviato al premier Conte e a Bonafede. In Veneto i vuoti di organico di magistrati sono paurosi. Vi abbiamo raccontato cosa succede, abbiamo fermato i numeri dello sfascio.

Camorra e Castellammare di Stabia | Proseguono i nostri approfondimenti, le nostre esclusive su Castellammare di Stabia, comune dell’area sud di Napoli soffocato dalla criminalità organizzata. Tra nuovi retroscena dell’inchiesta che sta scuotendo la città, ripercussioni sulla vita politica (il sindaco pensa al rimpasto, il vicesindaco e due assessori sono a rischio) e nuovi blitz.

Cronaca e Cultura | Spazio ancora alla cronaca di Napoli, ai fatti più importanti accaduti ieri; spazio alla Cultura con due pagine di appuntamenti e di racconti da Napoli e dall’Italia. Spazio ad altri approfondimenti.

Il quotidiano digitale – uguale ai quotidiani cartacei per concetto di grafica, di ‘testo unico’ delle notizie – è un giornale nuovo. Pensato in modo nuovo. Dedicato a mirati approfondimenti. Leggo da leggero. Abbiamo rinunciato alla versione cartacea (la tradizione) per sposare la tecnologia (internet), ma senza rinunciare all’importanza degli approfondimenti e alla leggibilità che solo un giornale – inteso come una sorta di testo unico – può dare. Giustizia News24 è soprattutto un giornale libero, indipendente. E che ha al suo attivo abbonati che hanno scelto di sostenerci, e credono nel nostro giornale. Abbonati che non si sono lasciati intimorire dal dover pagare per leggere, e che anzi hanno compreso l’importanza di un’informazione controllata. E quindi che va pagata. Ci auguriamo che i nostri abbonati crescano di numero (basta accedere alla sezione ‘Sfoglia il Quotidiano’; oppure potete scriverci alla mail redazione@giustizianews24.it). Giorno dopo giorno. E noi giorno dopo giorno continueremo a mostrarvi la prima pagina del quotidiano digitale.

venerdì, 4 gennaio 2019 - 08:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA