L’ex detenuto-attore, l’avvocato Cangiano: «Gli ex detenuti hanno diritto a una seconda possibilità, baste polemiche»

Ioia
Pietro Ioia nel ruolo di un agente della Polizia penitenziaria
di avvocato Alessandra Cangiano*

Incredibile ma vero. Ancora una volta, il Sappe alza il tiro contro i detenuti, peggio ancora contro gli ex detenuti, cioè contro coloro che hanno scontato interamente la loro pena ed oggi sono uomini liberi. È il caso di Pietro Ioia, ex detenuto che oggi si batte per cercare di aiutare chi esce dal carcere affinché possa reinserirsi nella Società per chi si trova ancora ristretto. Ioia nel film- documentario “Nevia” prodotto dalla società Archimede di Garrone riveste i panni di un agente della Polizia Penitenziaria. Il Sappe insorge ritenendo inaccettabile, inammissibile, intollerante e per giunta insopportabile che un ex detenuto condannato e quindi colpevole di vari reati rivesta i panni di un agente penitenziario. Riteniamo che sia indecoroso da parte del Sappe esternare simili giudizi, tenuto conto che il ruolo ricoperto da Ioia non sia affatto finalizzato a svilire o addirittura a deridere il corpo di Polizia Penitenziaria. Tutt’altro. Ancora una volta dunque si cerca di confondere l’opinione pubblica, che continua a percepire un’idea distorta di quelli che sono i principi posti a base sella nostra Carta Costituzionale e dell’Ordinamento Penitenziario. Ancora una volta si tenta di far dimenticare che le Pene devono tendere alla rieducazione del condannato che ha il diritto di reinserirsi nella Società una volta che ha scontato la pena; che ha il diritto di avere una seconda Possibilità nella vita perché è obbligo dello Stato garantire la certezza della Pena garantendo al contempo anche il loro reinserimento nel tessuto sociale. Insopportabile dunque non è la idea che sia un ex detenuto a vestire l’uniforme della polizia penitenziaria per raccontare una storia, ma insopportabile è l’idea di chi vuole mettere a tacere una volta e per sempre quelli che sono i sacrosanti principi di uno Stato di diritto.
*avvocato de ‘Il Carcere Possibile onlus’

Leggi sullo stesso argomento:
– Denunciò l’inferno nella ‘Cella 0’, ora interpreta un agente della Penitenziaria nel film prodotto da Garrone: il Sappe insorge
– Napoli, ex detenuto nei panni di un agente della penitenziaria: la sigla Spp organizza un sit-in di protesta in 2 carceri

mercoledì, 9 gennaio 2019 - 20:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA