Soldi e sesso per aggiustare procedimenti Il pm leccese Arnesano sospeso dalla funzione e dallo stipendio

Giustizia

Mentre i giudici del Tribunale del Riesame hanno deciso di concedergli gli arresti domiciliari, il Consiglio superiore della magistratura usa invece la linea dura: il pubblico ministero leccese Emilio Arnesano, arrestato lo scorso 6 dicembre con le accuse di corruzione in atti giudiziari, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, falso e abuso d’ufficio nell’ambito di un’inchiesta della Procura della Repubblica di Potenza, è stato sospeso dalle funzioni e dallo stipendio.

Il provvedimento scaturisce dal procedimento disciplinare aperto a carico del magistrato salentino che ha portato all’udienza del 21 dicembre scorso durante la quale l’apposita commissione ha sentito le parti, ossia la Procura generale presso la Corte di Cassazione e la difesa rappresentata da un magistrato. Emilio Arnesano è accusato in particolare della «vendita delle funzioni giudiziarie», vale a dire di avere favorito, nella propria veste di pubblico ministero, diversi personaggi coinvolti in procedimenti giudiziari in cambio di favori e, in altri casi, di avere ottenuto prestazioni sessuali. (Sullo stesso argomento leggi il pezzo dell’arresto con tutte le accuse contestate; leggi anche il pezzo sulla concessione dei domiciliari e le misure interdittive per altri due avvocati)

Leggi anche:
Giustizia, il Consiglio di Stato boccia il Csm: annullate le nomine di 3 magistrati, stop anche il vice di Cafiero de Raho
– Studente beve dalla bottiglia d’acqua portata da casa e si sente male, paura all’alberghiero di Torre Annunziata
– Lavoro, la beffa del decreto dignità: divorati i contratti a termine, ressa ai centri per l’impiego | Le storie dal territorio
– 
Castellammare, inchiesta sull’ex Cirio e su Adolfo Greco: gli atti passano ai pm di Torre Annunziata, scema (per ora) la pista dei clan
– Inventarono un caso di terrorismo e arrestarono un ghanese innocente, il pm: «11 anni e 8 mesi a testa per 3 carabinieri»
– Pizzo alle mense scolastiche, inchiesta sui clan Mallardo e i De Rosa: 9 arresti
– Lavoro, la beffa del decreto dignità: divorati i contratti a termine, licenziamenti a raffica e ressa ai centri per l’impiego
– Confondono la Lega di Salvini con la Lega Navale e imbrattano il muro sbagliato

mercoledì, 9 gennaio 2019 - 07:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA