Di cosa parliamo oggi nel quotidiano digitale | Venerdì 11 gennaio 2019


Per completare le notizie che ogni giorno offriamo in modo gratuito sul nostro sito, la redazione di Giustizia News24 sviluppa tutti i giorni un quotidiano in edizione digitale (non c’è versione cartacea) che è possibile leggere su abbonamento. E ogni giorno vi mostriamo la prima pagina del quotidiano digitale affinché tutti i nostri lettori possano valutare il nostro prodotto e scegliere se abbonarsi. L’abbonamento di un mese costa 10 euro; 50 euro il semestrale. Una volta attivato, l’abbonamento NON si rinnova in automatico, ma sarete voi a scegliere se continuare a darci fiducia.

Ecco alcuni dei temi approfonditi nell’edizione odierna:

Legittima difesa | Dopo l’approfondimento di ieri, nel corso del quale abbiamo riannodato i fili del testo di legge targato Lega soffermandoci sulle nuove polemiche innescate da Davigo, oggi ci soffermiamo sul contenuto delle audizioni in Commissione Giustizia alla Camera di avvocati (Cnf e Ocf) e dell’Associazione nazionale magistrati. Abbiamo riservato all’approfondimento due pagine, allo scopo di poter scendere nel dettaglio dei rilievi sollevati.

Spazzacorrotti, cambia la Giustizia | La legge è stata promulgata, tra l’esultanza a cinque stelle e il rammarico dell’avvocatura.

La cronaca e i processi Napoli, la cronaca dettagliata dei processi, delle inchieste e dei fatti di cronaca accaduti ieri a Napoli.

Il quotidiano digitale – uguale ai quotidiani cartacei per concetto di grafica, di ‘testo unico’ delle notizie – è un giornale nuovo. Pensato in modo nuovo. Dedicato a mirati approfondimenti. Leggo da leggero. Abbiamo rinunciato alla versione cartacea (la tradizione) per sposare la tecnologia (internet), ma senza rinunciare all’importanza degli approfondimenti e alla leggibilità che solo un giornale – inteso come una sorta di testo unico – può dare. Giustizia News24 è soprattutto un giornale libero, indipendente. E che ha al suo attivo abbonati che hanno scelto di sostenerci, e credono nel nostro giornale. Abbonati che non si sono lasciati intimorire dal dover pagare per leggere, e che anzi hanno compreso l’importanza di un’informazione controllata. E quindi che va pagata. Ci auguriamo che i nostri abbonati crescano di numero (basta accedere alla sezione ‘Sfoglia il Quotidiano’; oppure potete scriverci alla mail redazione@giustizianews24.it). Giorno dopo giorno. E noi giorno dopo giorno continueremo a mostrarvi la prima pagina del quotidiano digitale.

venerdì, 11 gennaio 2019 - 09:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA