Ferì il rivale in amore a colpi di katana, fermato anche il complice: avrebbe colpito l’uomo con una mazza da baseball

La katana utilizzata

I carabinieri della stazione di Poggioreale hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Napoli nei confronti di A. C., 22 anni: è accusato di concorso in tentato omicidio per l’aggressione del 6 gennaio contro un 42enne ridotto in fin di vita a colpi di mazza e con una katana.

Il 22enne è accusato di essere uno dei due aggressori, insieme a E. G., il 34enne già sottoposto a fermo dalla polizia di Stato il 7 gennaio: nel raid, originato da motivi passionali, il 22enne avrebbe usato una mazza da baseball e il 34enne una katana, spada giapponese lunga 87 cm, recuperata dai militari dell’Arma lungo la s.s. 162 all’altezza dello svincolo per Pomigliano d’Arco, dove era stata abbandonata dai due. La vittima è tutt’ora ricoverata in terapia intensiva nell’Ospedale del Mare: è in prognosi riservata e in pericolo di vita.

Leggi anche:
– Avellino, strage del bus: giudice in camera di consiglio, attesa per la sentenza
– Torre Annunziata, riscaldamenti ko: nelle scuole si gela, protestano i genitori. E il Comune prova a correre ai ripari
– Inventarono un falso caso di terrorismo arrestando anche un innocente: condanna severa per tre carabinieri
– Torre Annunziata, in Tribunale con mamma e papà avvocati: inaugurato lo spazio per bambini, iniziativa del Consiglio dell’Ordine
– Napoli, ex detenuto nei panni di un agente della penitenziaria: la sigla Spp organizza un sit-in di protesta in 2 carceri
– Di cosa parliamo oggi nel quotidiano digitale | Venerdì 11 gennaio 2019

venerdì, 11 gennaio 2019 - 12:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA