Castellammare, concorso al Comune: i giovani sperano nel posto fisso, centralini impazziti e pagina Fb presa d’assalto

Il Comune di Castellammare di Stabia
di Daniele Di Martino

C’è addirittura chi si è recato personalmente al Comune per ritirare la domanda di partecipazione al concorso pubblico. Il telefono di Palazzo Farnese squilla in continuazione, la pagina Facebook del sindaco è inondata di richieste di informazioni.
C’è grande attesa a Castellammare per le 21 assunzioni annunciate a fine 2018. C’è anche tanto bisogno di lavoro per i giovani stabiesi. I numeri della disoccupazione giovanile parlano chiaro: sei su dieci non hanno un’occupazione e oltre tremila sono stati costretti ad andare al Nord o all’estero per un impiego stabile. Così ci si aggrappa all’ultimo treno: il posto fisso al Comune. Al momento sono poche le assunzioni previste, appena 21, ma da qui ai prossimi mesi il numero è destinato a salire. Anche perché c’è bisogno di forze fresche con gli ultimi pensionamenti e quelli previsti a fine anno, considerando l’uscita di un’altra cinquantina di dipendenti che usufruiranno di “quota 100”. Ora bisogna accontentarsi di 21 posti a concorso e si prevede una massiccia partecipazione da tutto il circondario.

Successivamente si potrà fare leva sul Piano Lavoro di De Luca, a cui il Comune di Castellammare ha aderito. In pratica sarà possibile attingere dalla graduatoria dei 10.000 aspiranti a livello regionale, così da integrare direttamente l’organico comunale. Quindi chi non risulterà idoneo al concorso per la ricerca di 21 figure professionali, potrà comunque fare leva successivamente al concorsone regionale. Nel frattempo sembra ormai imminente la pubblicazione del bando per 21 assunzioni, per cui i giovani stabiesi sono impazienti. Tanto da inondare gli uffici comunali di richieste di informazioni. Per questo a Palazzo Farnese sono stati costretti a pubblicare sull’albo pretorio un avviso per invitare tutti alla calma: «Si precisa che, allo stato attuale, risulta pubblicata esclusivamente la determinazione dirigenziale di approvazione del bando, con la quale si è dato avvio alla procedura. Pertanto, si coglie l’occasione per comunicare ai candidati che intendono partecipare al concorso che le domande potranno essere presentate dopo la pubblicazione del bando» si legge nella precisazione.

Anche il sindaco Gaetano Cimmino, sui canali social, ha invitato tutti ad attendere ancora un po’ per la presentazione delle domande: «Il bando è ormai prossimo ad essere pubblicato e una cosa è certa: i concorsi saranno effettuati con la massima trasparenza e gli unici criteri che faranno fede sono il merito e la competenza» fa sapere il primo cittadino. Proprio in campagna elettorale il sindaco Cimmino aveva promesso concorsi pubblici e non più avvisi di mobilità volontaria: «Si tratta di una svolta storica per Castellammare, dato che i concorsi pubblici mancavano da decenni. E il fermento che si avverte in città ci riempie di entusiasmo. Siamo convinti che le nuove assunzioni potranno dare linfa ad una macchina comunale che necessita da tempo di forze fresche, da destinare a settori che da troppi anni vanno a rilento a causa della carenza di personale». Per poi chiarire gli aspetti dell’imminente bando di concorso: «Dal giorno in cui è stato pubblicato lo schema del bando di concorso per 21 assunzioni presso il Comune di Castellammare di Stabia, siamo inondati da richieste di informazioni, molte delle quali fanno riferimento alle modalità di presentazione della domanda per partecipare al concorso pubblico. Ci tengo pertanto a precisare un aspetto: il bando non è ancora stato pubblicato». Non resta che attendere la pubblicazione del bando, dopo almeno 15 anni dall’ultimo vero concorsone al Comune di Castellammare.

Leggi anche:
– Torre del Greco, un 44enne trovato morto per overdose nella stazione della Circum
– Avellino, strage del bus caduto nella scaparta: 7 assoluzioni e 8 condanne, rabbia e urla dei parenti delle 40 vittime
– Inventarono un falso caso di terrorismo arrestando anche un innocente: condanna severa per tre carabinieri
– Torre Annunziata, in Tribunale con mamma e papà avvocati: inaugurato lo spazio per bambini, iniziativa del Consiglio dell’Ordine
– Napoli, ex detenuto nei panni di un agente della penitenziaria: la sigla Spp organizza un sit-in di protesta in 2 carceri
– Soldi e sesso per aggiustare procedimenti: il pm leccese Arnesano sospeso dalla funzione e dallo stipendio
– Giustizia, il Consiglio di Stato boccia il Csm: annullate le nomine di 3 magistrati, stop anche il vice di Cafiero de Raho
– Lavoro, la beffa del decreto dignità: divorati i contratti a termine, ressa ai centri per l’impiego | Le storie dal territorio

sabato, 12 gennaio 2019 - 11:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA