Parigi, esplosione in un panificio: 2 morti, tra i feriti anche italiani. Il ministro: «Il bilancio sarà pesante»


C’è sangue ovunque tra le macerie del panificio situato nel nono arrondissement di Parigi, vicino al teatro delle Folies Bergère. C’è sangue ovunque, e dappertutto ci sono pezzi di vetro: l’esplosione ha fatto saltare i vetri delle finestre delle abitazioni circostanti. E poi c’è puzza di fumo, ché lo scoppio ha mandato in fiamme un palazzo. E ci sono le urla delle persone, le sirene delle ambulanze che una dopo l’altra arrivano e portano via i feriti. Quarantasette i feriti. Tutte vittime di un’esplosione – causata da una fuga di gas – che si è verificata intorno alle 9 in una panificio. Dieci persone sono in pericolo di vita.
Ci sono anche dei morti: due persone sono rimaste uccise, si tratta di due vigili del fuoco. E’ la comunicazione della procura della capitale francese che ha smentito quanto comunicato precedente dal ministero degli Interni a dire del quale i morti erano 4.

Gli italiani tra i feriti
Tra i feriti ci sono anche due italiani. Uno è il giornalista-videomaker della trasmissione “Cartabianca” di Rai3, Valerio Orsolini: Orsolini, che si trovava a Parigi per seguire la manifestazione dei gilet gialli, fortunatamente sta bene (è rimasto ferito in modo lieve), come egli stesso ha scritto su Facebook rincuorando gli amici e i parenti («Grazie per i messaggi che mi mandate. Sto bene»). L’operatore Valerio Orsolini si trovava nella stanza dell’albergo nel quale alloggiava quando è stato investito dall’esplosione avvenuta nel panificio che si trova di fronte all’hotel. Una scheggia lo ha colpito sopra un occhio.
L’altra ferita è Angela Grignano, di Trapani (in Sicilia). La ragazza si trovava proprio accanto alla boulangerie esplosa, in rue de Trevise, nell’hotel Ibis dove lavora come cameriera. Le sue condizioni sarebbero gravi, la ragazza è ricoverata all’ospedale Lariboisiere.

Il ministro Castaner: «Il bilancio sarà pesante»
In una conferenza stampa il ministro dell’Interno francese, Christophe Castaner, ha sottolineato che «le conseguenze sono pesanti e gravi», osservando di «non voler entrare» nei dettagli specifici di quanto accaduto considerato che la situazione è ancora in evoluzione. «L’esplosione è stata notevole, vi erano anche persone in strada. Il bilancio sarà pesante», ha dichiarato il ministro. Castaner ha elogiato il lavoro dei Vigili del fuoco e delle forze di polizia: «Sappiate che coloro che tutti i giorni lavorano per noi sono un modello per la nostra sicurezza e sono tutti mobilitati». Il ministro ha rivelato che è stato «immediatamente attivato un centro di accoglienza per i feriti e proposto una soluzione di accompagnamento. Abbiamo un modello che fa onore al nostro paese e lo stiamo seguendo». «Sono ancora sotto shock per quello che abbiamo visto sul luogo, ma sono confortato nel vedere come le forze dell’ordine si sono attivate», ha aggiunto Castaner. (Il servizio sarà costantemente aggiornato)

sabato, 12 gennaio 2019 - 13:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA