Rapina in gioielleria a Frattamaggiore Svolta nelle indagini, Raffaele Ottaiano non avrebbe sparato colpi di pistola

Rapina a Frattamaggiore
Il foro provocato da un proiettile (foto Kontrolab)

Indagini sulla rapina in gioielleria a Frattamaggiore, arriva una prima svolta. Secondo quanto è emerso dalle attività di indagine coordinata dalla procura presso il tribunale di Napoli Nord, Raffaele Ottaiano, il giovane rapinatore ucciso a colpi di pistola dal gioielliere, non ha sparato.
Il giovane orefice, Luigi Corcione, è indagato con l’ipotesi di accusa di omicidio colposo per eccesso di legittima difesa. In un’intervista rivelò di avere reagito dopo aver visto il bandito puntargli la pistola e di non aver mai sparato contro un uomo prima. Il suo legale, l’avvocato Luigi Ferrante, riferì anche che la reazione del suo cliente era stata causata da una situazione di pericolo imminente.

martedì, 20 febbraio 2018 - 16:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA