Napoli, suicida il giorno della sua laurea Non avrebbe finito gli esami universitari Indaga la procura di Napoli

di Dario Striano

Si sarebbe tolta la vita per il senso di dolore e di vergogna legato alla mancata laurea. Le prime indagini condotte dopo il suicidio della studentessa 26enne avvenuto questo pomeriggio nel complesso universitario di Monte Sant’Angelo, a Napoli, confermano quanto già emerso finora: la giovane Giada aveva detto di doversi laureare oggi ai familiari ed agli amici, giunti nel capoluogo campano da Sesto Campano, la cittadina molisana dove viveva. Secondo quanto emerso sul posto la studentessa sarebbe stata indietro con gli esami, circostanza che evidentemente non aveva rivelato ai familiari. Il suicidio e’ avvenuto proprio durante lo svolgimento delle sedute di laurea, che era effettivamente in programma oggi. Sul posto, per la procura di Napoli, il pubblico ministero Roberta Simeone.

—->>>> Domani gli approfondimenti sul quotidiano in edizione digitale. Acquista la tua copia o abbonati entrando nella sezione ‘Sfoglia il Quotidiano’. 

lunedì, 9 aprile 2018 - 21:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA