Acerra, furto al Termovalorizzatore Dipendente denunciato dai carabinieri forestali: in auto aveva rame e ottone

Termovalorizzatore Acerra
Il termovalorizzatore di Acerra

Un operaio del termovalorizzatore di Acerra denunciato dai carabinieri forestali per furto di metalli estratti dai rifiuti destinati alla combustione. In località pantano, nei pressi del termovalorizzatore, i carabinieri della stazione forestale di Marigliano hanno fermato un’auto che alla loro vista aveva rallentato forse per cambiare itinerario ed eludere il controllo. Ispezionata l’auto, condotta da un 50enne napoletano dipendente della ditta responsabile del funzionamento del termovalorizzatore di Acerra, i militari hanno rinvenuto una busta contenente rame e ottone per 17 chilogrammi totali. Se il metallo fosse stato rivenduto rivenduti avrebbe fruttato circa 100 euro. Veloci accertamenti hanno permesso di appurare come il materiale fosse stato rubato dall’operaio -che aveva appena finito il turno notturno- all’interno del termovalorizzatore. Chiamato sul posto, il responsabile della ditta ha riconosciuto quei pezzi di rame e ottone come quelli estratti dalla massa destinata al ciclo di lavorazione nel termovalorizzatore. Quanto recuperato è stato restituito all’avente diritto. Il 50enne è stato denunciato per furto aggravato.

sabato, 14 Aprile 2018 - 14:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA