Giura fedeltà all’Isis e prepara attentato Fermato un gambiano di 22 anni: «Era pronto a un attentato terroristico»

Controlli antiterrorismo

E’ stato sottoposto a fermo il cittadino del Gambia Touray Alagie poiché ritenuto indiziato del delitto di partecipazione all’organizzazione terroristica denominata Isalmic State o Daesh. L’inchiesta, coordinata dal pubblico ministero Scarfò, è stata condotta dalla Digos della Questura di Napoli e dal Ros dei carabinieri. Le indagini sono partite dall’acquisizione di un video diffuso tramite i canali Telegram che ritraeva il fermato – classe 1996 – nell’atto di presentare giuramento al califfo Abu Bakr Al Baghdadi, capo riconosciuto dell’Isis. I fatti – secondo quanto ricostruito dagli inquirenti – si sono verificati all’interno del centro di accoglienza per migranti di Pozzuoli nel quale il ragazzo era ospitato da un anno con un foglio di soggiorno provvisorio. Il giovane è entrato in Italia a marzo del 2017 nel porto di Messina e aveva fatto richiesta di protezione internazionale.
Il video da cui è partita l’indagine, hanno spiegato gli inquirenti nel corso di una conferenza stampa che si è svolta ieri mattina in procura, era stato girato nella sala mensa della struttura di Licola. La circostanza agghiacciante emersa dalle indagini è che al ragazzo era stato chiesto di lanciarsi con un’auto contro la folla. Un vero e proprio attentato terroristico, anche se non è ancora chiara la data e il luogo.

Dg

—–>>>> Sullo stesso argomento leggi il seguente approfondimento: 

Ombra del terrorismo, i dialoghi di Touray Intercettati sulle chat del canale Telegram: «Pregate per me, sono in missione»

giovedì, 26 aprile 2018 - 11:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA