Colf in nero, Fico ingaggia l’avvocato: quel servizio delle ‘Iene’ è fuorviante, il caso rischia di finire in Tribunale

Roberto Fico (foto Kontrolab)

Adesso il caso della presunta colf in servizio a nero presso l’abitazione della compagna di Roberto Fico rischia di finire in Tribunale. E non per via della questione dei contributi che, secondo Le Iene, non sarebbero stati corrisposti alla donna. Il presidente della Camera sembra, infatti, intenzionato a sporgere denuncia contro la trasmissione televisiva di Italia1 perché, per via del montaggio del pezzo e per via dei commenti a corredo del servizio, quelli de ‘Le Iene’ avrebbero insinuato nello spettatore il dubbio che Fico abbia assunto ‘a nero’ una colf/baby sitter nella casa napoletana della compagna. “Ho ricevuto incarico dal presidente della Camera, Roberto Fico, di tutelarlo penalmente a seguito alla messa in onda del servizio della trasmissione dal titolo ‘Una colf in nero per il presidente Roberto Fico?’ e dopo la lettura degli articoli di stampa”, ha annunciato l’avvocato Annalisa Stile. “Il presidente Fico non è, né è mai stato, datore di lavoro della signora Imma – prosegue il legale – Fico abita a Roma, nella cui casa ha una colf assunta con regolare contratto, risiede a Napoli ma a casa propria Posillipo, e non nella casa della signora Yvonne”.

mercoledì, 2 Maggio 2018 - 23:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA