Napoletani scomparsi in Messico, appello al nuovo Governo: «Aiutateci,
i Russo non sono forse italiani?»

I tre napoletani scomparsi in Messico

«Aiutateci a sapere che fine hanno fatto i nostri concittadini».«Abbiamo sentito gridare molte volte ‘viva gli italiani’ ma evidentemente i Russo e i Cimmino non lo sono per le nostre istituzioni». L’appello e al tempo stesso l’affondo rivolto alle istituzioni arriva dall’avvocato Claudio Falleti, e riguarda il caso dei tre napoletani scomparsi in Messico. Di Raffaele e Antonio Russo e di Vincenzo Cimmino, non si hanno più notizie dallo scorso 31 gennaio. Spariti nel nulla. «Adesso la politica si assuma le proprie responsabilità per tutelare i propri cittadini», dice ancora Falleti. «E’ una storia triste quella dei Russo e dei Cimmino – ricorda l’avvocato – Scomparsi il 31 gennaio nel Paese centroamericano e dei quali non si hanno piùnotizie. Una vicenda iniziata in piena campagna elettorale, quando nessun rappresentante del nostro Stato aveva abbastanza tempo per occuparsene seriamente. Poi ci sono state le elezioni e adesso il Governo». «Dopo la promessa – ricorda Falleti – già disattesa dallo staff del presidente Fico (ancora attendiamo un appuntamento), chiediamo ai ministri incaricati della questione di occuparsene veramente».

—>> Leggi anche: 

Caso migranti, nuova strage di disperati L’omicidio del maliano in Calabria E la battaglia di Matteo Salvini

lunedì, 4 giugno 2018 - 17:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA