Napoli, reparto chiuso per la festa del primario: medico dell’ospedale del Mare sospeso sine die, accertamenti sull’equipe

Ospedale del Mare a Napoli
L'Ospedale del Mare a Napoli

Sospeso sine die. Sospeso sino a quando non sarà accertato in modo compiuto cosa è accaduto l’altra sera dell’ospedale Loreto Mare. Il primario del reparto di Chirurgia vascolare dell’Ospedale del Mare finito nella bufera dopo la notizia che un intero reparto del nosocomio sarebbe stato chiuso per consentire ai camici bianchi di partecipare alla sua festa di promozione, resta ‘senza lavoro’. A confermare all’ANSA il provvedimento è Mario Forlenza, direttore generale della Asl Napoli 1 centro. Sarà avviato anche un procedimento disciplinare, in merito a eventuali ipotesi di contestazioni sulla base del contratto. Forlenza ha avuto un lungo incontro con il primario. “«i ha confermato di aver trasferito, la sera del 6 luglio, 4 pazienti dal suo reparto a quello di Chirurgia – racconta – e di averlo fatto senza chiedere l’autorizzazione alla Direzione sanitaria. Lui stesso ha riconosciuto che l’errore è stato non chiedere». Al posto del primario sospeso, Forlenza ha affidato l’incarico a Massimo Tatafiore, che si occuperà di dirigere l’unità operativa. «Il primario ha riferito che nessuno ha subiito danni – sottolinea – ma ci sono quelli di immagine che abbiamo subito a fronte di un lavoro faticoso e durissimo che stiamo facendo per far funzionare al meglio l’Ospedale del Mare». I carabinieri del Nas che stamattina si sono recati nell’Ospedale del Mare «hanno chiesto di poter aver anche tutto il materiale che sarà raccolto dal servizio ispettivo per l’indagine interna che è stata già avviata». Nessun provvedimento, al momento, per il resto dell’equipe del reparto. «Qualora saranno accertate anche le loro responsabilità – assicura Forlenza – saranno presi provvedimenti anche per loro».

lunedì, 9 Luglio 2018 - 17:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA