Terra dei Fuochi, incendiano plastica, lamerie e pannelli coibentati: arrestati padre e figlio e un 38enne | Varcaturo


Li hanno arrestati tutti. Perché stavano bruciando rifiuti speciali noncuranti dei danni che avrebbero procurato all’ambiente e dunque alla salute delle persone. A Varcaturo, località di Giugliano (comune in provincia di Napoli) che rientra nella triste cintura definita ‘Terra dei Fuochi’, i carabinieri hanno arrestato Luigi Vincenzo T., di 42 anni, il figlio Antonio Aldo che ha 19 anni, e un 38enne della Costa d’Avorio Issoui D.. I 3 sono stati sorpresi all’interno di un deposito di materiale all’interno di un appezzamento di terreno in via Grotta dell’Olmo di proprietà del 19enne mentre incendiavano rifiuti speciali di varia natura, pericolosi e non: materiali di risulta da lavorazioni di carpenteria ma anche materiale plastico vario, pannelli coibentati e lamiere. Per spegnere l’incendio è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco di Monteruscello. L’area è stata sottoposta a sequestro. I tre sono in attesa di essere processati per direttissima.

—>> Leggi anche:
Marano/Giugliano: Perse la moglie in un incidente stradale, l’avvocato gli ha rubato i soldi del risarcimento danni: l’avvocato arrestato finisce in carcere, è una donna dell’Avellinese
– Rifiuti pericolosi in un fondo agricolo, a Nola sequestrate oltre 200 tonnellate di scarti

venerdì, 31 Agosto 2018 - 14:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA