Scampia, blitz alle Vele: sequestrato il libro contabile delle ‘piazze’ della Vanella Grassi, trovate armi e droga. Tre arresti


Novecentoquaranta euro in contanti, 29 cilendretti di eroina e uno di cocaina. E ancora un passamontagna, un tirapugni, una mazza da baseball, un’agenda con appuntati nomi e conti inerenti ‘piazze di spaccio’ delle Vele e un telefono cellulare. E’ solo parte di quanto i carabinieri della Compagnia Stella hanno trovato e sequestrato nel corso di un’operazione a Scampia che ha portato all’arresto di tre persone ritenute vicine al clan della Vanella Grassi.

In manette C. R., 23 anni, G. E. di 21 anni e L. R., di 40. I soldi, la droga, il passamontagna e l’agenda sono stati rinvenuti nel corso di una perquisizione in un appartamento nella disponibilità di C. R. e G. E.. Ma intanto, mentre alcuni carabinieri procedevano al controllo e al relativo sequestro, altri militari hanno bussato alla porta di casa di L. R. Il 40enne, scorti i carabinieri, ha lanciato dalla finestra un paio di stivali da donna recuperati da altri militari posizionati a cinturazione del complesso di edilizia popolare del quartiere partenopeo. All’interno delle scarpe sono stati trovati una semiautomatica carica, un’altra pistola con matricola abrasa, 56 cartucce di calibri diversi, un etto di hashish diviso in 32 dosi, 16 dosi di cocaina e un bilancino di precisione. Per i tre uomini si sono aperte le porte del carcere.

—>> Leggi anche: 
Camorra, clan Lo Russo di MianoDelitto Stravato, un’inchiesta e due letture Il pm chiede 3 ergastoli e 2 condanne, ma la Cassazione annulla un arresto
– 
Perizie choc, processi ingiusti e martiri. Cucchi ucciso di botte, quanti assurdi errori in nove anni di indagini
– Cucchi, cade il velo della vergogna di Stato Carabiniere confessa: «Schiaffi e calci in faccia, l’hanno pestato due militari»
– Cucchi, la storia che imbarazza un pezzo d’Italia e di cui si fa fatica a parlare diventa un film e apre il festival di Venezia
– Stefano Cucchi ucciso di botte, in aula l’ex moglie di un carabiniere imputato: «Rideva nel dirmi che l’aveva picchiato»
– Quella verità attesa da quasi dieci anni: «Cucchi massacrato di botte, i carabinieri pensarono a scaricare sulla Penitenziaria»

sabato, 13 ottobre 2018 - 13:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA