De Magistris chiama, Lucano risponde:
il sindaco di Riace verrà a Napoli
«Ammiro molto DeMa come sindaco»

lucano
Mimmo Lucano, il sindaco di Riace

Luigi de Magistris chiama, e il sindaco dell’accoglienza che adesso è ‘senza patria’ risponde. Mimmo Lucano, scarcerato dal Riesame a patto che non metta piede in Calabria, è pronto a fermarsi a Napoli e a fare visita al primo cittadino della città partenopea Luigi de Magistris. Proprio de Magistris, nei giorni scorsi, con un tweet si era dichiarato pronto ad ospitare Lucano impossibilitato a rimanere a Riace per via del divieto di dimora disposto dal Riesame. «Caro Mimmo lo so che non lascerai la tua e nostra amata Calabria ma se vuoi ti ospitiamo con amore a Napoli divieto di dimora nella tua Riace è peggio degli arresti domiciliari. Ma  non potranno mai arrestare la rivoluzione. Riace vivrà con Lucano Sindaco!», ha scritto in un tweet. E questa mattina, intervendo ai microfoni di Radio Crc, durante la trasmissione Barba e Capelli, Lucano ha annunciato che raccoglierà l’invito: «Non faccio un passo indietro e accetto con il cuore l’invito del sindaco de Magistris» di recarmi in questi giorni a Napoli. Fitto e caloroso lo scambio di battute tra i due sindaci: «De Magistris – ha aggiunto Lucano – è uno dei sindaci che ammiro di più e che conosce bene la nostra terra. Mi trovo in una condizione che non avrei mai immaginato, ma non faccio un passo indietro. Oltre a dimostrare la mia innocenza personale, credo che questa vicenda, in un momento storico particolare, possa dare un contributo ad un’idea di politica che va in direzione opposta rispetto a ciò che sta accadendo in questo Paese». «Il problema di Riace – ha detto De Magistris – non è l’immigrazione, ma l’emigrazione, lo spopolamento di quella terra. Solo chi non conosce Riace non capisce cosa sia accaduto li’ in questi anni. Lucano è stato punito perché considerato socialmente pericoloso. Riace deve diventare la roccaforte della resistenza del nostro Paese, per l’attuazione dei valori costituzionali. Questa lotta la vinceremo insieme».

>>> Leggi anche: 
 Napoli, truffa alle assicurazioni: i 18 avvocati ai domiciliari, il tariffario dei finti testimoni reclutati a Fuorigrotta, le prove trovate in due pc. | Tutti i nomi
– Concorsi truccati nell’Esercito, 15 misure cautelari. Ai domiciliari il generale Masiello
– Concorsi truccati nell’Esercito, ecco le intercettazioni che inchiodano gli indagato. E in diretta il fruscio delle mazzette pagate per vincere i concorsi
– Concorsi truccati nell’Esercito, la foto beffarda di un indagato: nel pub brinda e scrive «Dario e Sabatino, i fottitori dello Stato»

– Ministri clonati su Facebook per satira. Ma c’è un volto amaro: i creduloni da tastiera che non riconoscono gli sfottò
– Caso Cucchi | 
Perizie choc, processi ingiusti e martiri Cucchi ucciso di botte, quanti assurdi errori in nove anni di indagini
– 
Cucchi, cade il velo della vergogna di Stato. Carabiniere confessa: «Schiaffi e calci in faccia, l’hanno pestato due militari»

giovedì, 18 Ottobre 2018 - 10:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA