Union Camere penali, sfida tra Borzone e Caiazzo per la presidenza: il Congresso si riunisce a Sorrento, 3 giorni di dibattito

Borzone Caiazza
Da sinistra gli avvocati Renato Borzone e Gian Domenico Caiazza, candidati alla presidenza dell'Unione delle Camere penali italiane

La sfida per la presidente dell’Unione delle Camere penali italiane sarà tutta romana. Renato Borzone e Gian Domenico Caiazza, entrambi ex presidente della Camera penale di Roma, sono i candidati che si contendono la guida dell’organismo sino ad oggi diretto da Beniamino Migliucci. Questo fine settimana il Congresso indicherà il nuovo presidente. E la scelta avverrà a Sorrento, dove per tre giorni – a partire da domani venerdì 12 settembre – si svolgerà l’importante convention che richiama avvocati da tutta Italia. Il XVII Congresso sarà dedicato al tema della difesa delle garanzie ‘all’epoca dei populismi’.
Previsti gli interventi di ospiti di peso nel mondo della Giustizia: David Ermini, Vice Presidente del Consiglio superiore della magistratura; l’avvocato penalista, nonché napoletano, Michele Cerabona, componente del Csm; Francesco Minisci, presidente dell’Associazione nazionale magistrati; Giovanni Melillo, capo della procura della Repubblica di Napoli; Maria Rosaria Guglielmi, Segretaria Magistratura democratica; Andrea Mascherin, presidente del Consiglio nazionale forense; Rita Bernardini del Partito Radicale nonviolento transnazionale transpartito; Enrico Costa, parlamentare membro della Commissione Giustizia Camera dei Deputati; Francesca Scopelliti, presidente della ‘Fondazione Internazionale per la Giustizia Enzo Tortora’.

—>>> Leggi anche: 
– Concorso truccato nell’Esercito, il fruscio delle mazzette pagate dai candidati furbetti ascoltato in diretta
– Concorsi truccati nell’Esercito, 15 misure cautelari. Ai domiciliari il generale Masiello
– Concorsi truccati nell’Esercito, ecco le intercettazioni che inchiodano gli indagato. E in diretta il fruscio delle mazzette pagate per vincere i concorsi
– Concorsi truccati nell’Esercito, la foto beffarda di un indagato: nel pub brinda e scrive «Dario e Sabatino, i fottitori dello Stato»

– Ministri clonati su Facebook per satira. Ma c’è un volto amaro: i creduloni da tastiera che non riconoscono gli sfottò
– Caso Cucchi | 
Perizie choc, processi ingiusti e martiri Cucchi ucciso di botte, quanti assurdi errori in nove anni di indagini
– 
Cucchi, cade il velo della vergogna di Stato. Carabiniere confessa: «Schiaffi e calci in faccia, l’hanno pestato due militari»

 

giovedì, 18 Ottobre 2018 - 14:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA