Luigi Galletta, il meccanico innocente 
ucciso dalla «paranza dei bambini»: condannato a 18 anni il baby killer

Napoli, Luigi Galletta: il meccanico di 21 anni vittima innocente della camorra

Oggi di anni ne ha venti. Ed è già in prigione. Ma quando quel 31 luglio del 2015 uccise a sangue freddo un bravo ragazzo, di anni ne aveva appena 17. Ed era già considerato un delinquente spietato. «Quello non è che viene ti spara una botta nella coscia, quello ti uccide», diceva di lui alcuni giovanissimi ‘soldati’ della cosiddetta «paranza dei bambini» di Forcella, il ventre molle di Napoli.

Il lui ‘temuto’ è Antonio Napoletano, conosciuto all’anagrafe della camorra come ‘o nannone. Venerdì Napoletano è stato condannato a 18 anni per l’omicidio del 21enne Luigi Galletta, il meccanico assassinato nell’officina in via Carbonara dove lavorava onestamente. Luigi Galletta venne ucciso perché non rivelò ai Sibillo, clan che in quel periodo era in guerra con i Buonerba di via Oronzio Costa, dove si nascondesse il cugino Luigi Criscuolo, che dei Buonerba faceva parte. Il punto è che, dove fosse Criscuolo, Luigi Galletta davvero non lo sapeva, perché lui era estraneo alle logiche criminali e le scelte sbagliate di quel parente col quale manco aveva a che fare non le aveva mai condivise.

Il processo si è definito davanti al giudice per le indagini preliminari Piero Avallone del Tribunale per i minorenni di Napoli. Agli atti dell’inchiesta, coordinata dai pubblici ministeri della Direzione distrettuale antimafia di Napoli Francesco De Falco ed Henry John Woodcock, ci sono anche le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, mai però testimoni diretti dell’accaduto ma depositari di ‘confidenze’ di altri malavitosi. Tra i racconti c’è quello di Maurizio Overa, ex esponente del clan Mariano che ha riferito di aver saputo che a sparare al meccanico innocente fu proprio Antonio Napoletano. La difesa dell’imputato, rappresentata dall’avvocato Riccardo Ferone, ha già annunciato ricorso in Appello.

—>> Leggi anche:
– Milano | Due incidenti nella notte: 4 persone all’ospedale. I responsabili fuggono ma perdono le targhe
– Desirée uccisa nel covo dell’indifferenza, quando gridare all’«uomo nero» sposta l’obiettivo dai veri nodi di un orrore
– Aveva rapporti con camorra e ‘ndrangheta. La Dia sequestra beni a Como
– Niente sconti al poliziotto stalker che tormentò Fabio Quagliarella: inflitti 4 anni e 8 mesi di reclusione
– Bambini rapiti con un furgone bianco, psicosi scoppiata per una fake-news: denunciato 39enne nel Napoletano
– Investito mentre porta a spasso il cane, muore avvocato 29enne | Tragedia nel Casertano
– Investe un bimbo di 5 anni e scappa. Denunciata una donna | La storia di Nuoro
– Marcianise, in fiamme azienda di rifiuti sequestrata per violazioni ambientali

– Abusò di bambini disabili ospiti in case-famiglia a Napoli e Roma, arrestato ex educatore in fuga dal 2013

sabato, 27 ottobre 2018 - 13:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA