Napoli, si spara ancora: un morto e un ferito. Raid a San Giovanni a Teduccio

Polizia

Un morto ed una persona ferita. Si spara ancora a Napoli. E’ accaduto intorno alle sette del pomeriggio nel quartiere San Giovanni a Teduccio, alla periferia est di Napoli, dove da tempo soffiano i venti di una guerra (mai spenta) tra i Mazzarella-D’Amico e i Rinaldi ma dove, più di recente, si è verificata una spaccatura tra i Formicola e il gruppo dei Silenzio. Le due persone, rimaste ferite in strada, sono state soccorse e trasportate al Loreto Mare. Le loro condizioni sono da subito apparse preoccupanti. E uno dei feriti è morto subito dopo; l’altro, un ragazzo di 21 anni, è entrato in sala operatoria per essere sottoposto a un intervento chirurgico alle mani. Il ragazzo ferito, Giacomo U., ha riporto in particolare una ferita a due dite, una della mano destra e l’altra della mano sinistra. Alta tensione all’ospedale Loreto Mare dove sono giunti i parenti delle vittime del raid.
L’episodio si è verificato sul corso San Giovanni davanti alla chiesa di San Giovanni Battista.
La vittima si chiamava Salvatore Soropago, aveva 37 anni e qualche piccolo precedente penale; secondo gli investigatori era vicino al clan Mazzarella. Le indagini sono affidate alla polizia che sta ricostruendo la dinamica dell’agguato: da una prima ricostruzione, sembrerebbe che Soropago e il 21enne ferito fossero a piedi. I killer, invece, viaggiavano in sella a due moto: l’obiettivo era Soropago contro il quale sono stati esplosi più di dieci colpi di pistola. Si sta cercando di capire se Soropago e il 21enne si conoscessero oppure se il 21enne stesse da solo, ritrovandosi così per errore nel mezzo dell’agguato.
Appena una settimana fa, sempre a San Giovanni a Teduccio, due persone sono rimaste ferite da colpi d’arma da fuoco mentre si trovavano all’interno di un centro scommesse: uno sconosciuto entrò nel locale e aprì il fuoco.  Antonio G., di 28 anni, fu ferito a un piede; Giovanni R., di 47 anni, venne colpito ad una gamba. (seguono aggiornamenti, il pezzo sarà costantemente aggiornato. E domani, sul numero del quotidiano digitale – il giornale vero e proprio disponibile solo per pc, tablet e cellulare – un approfondimento sull’agguato. Non esiste una versione cartacea, il giornale si acquista in abbonamento. Basta accedere alla sezione ‘Sfoglia il Quotidiano‘ o inviare una mail a redazione@giustizianews24.it). 

Leggi anche:
– Sarno, muore bimbo di due anni: sospetta meningite, indaga anche la procura
– Napoli | 
Luigi Galletta, il meccanico innocente ucciso dalla «paranza dei bambini»: condannato a 18 anni il baby killer al soldo dei Sibillo
– Le 10 vittime della furia del maltempo. Cinque regioni piangono i loro ‘figli’ Dramma dei Ramponi a Dimaro | Storie e volti

martedì, 30 ottobre 2018 - 19:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA