Comprava Rolex con assegni falsi, napoletano incastrato dal nome d’arte:
si spacciava per ‘Antonio Apicella’

Cella Carcere

Arrestato dai carabinieri della stazione un truffatore incallito che utilizzava il “nome d’arte” di Antonio Apicella per commettere i suoi raggiri. Ad incastrarlo una delle vittime, un 35enne di Terni che ha pubblicato una nuova inserzione su un noto portale web di annunci, mettendo in vendita un Rolex da quasi 20mila euro. Cosi’ e’ stato contattato nuovamente dal fantomatico Antonio Apicella. Il 35enne ha fatto delle ricerche in rete e ha notato che anche altre persone erano state truffate con lo stesso sistema da un uomo che usava lo stesso nome. Il venditore ha cosi combinato un appuntamento con il truffatore avvisando pero’ i carabinieri. I militari della Stazione piazza Farnese hanno cosi’ organizzato un servizio di appostamento, nel luogo e orario prefissato, dove il truffatore, puntuale come un orologio svizzero, è arrivato insieme a due complici. “Antonio Apicella” ha mostrato la sua carta di identita’ e ha consegnato nelle mani del venditore un assegno – poi risultati entrambi falsi – e a scambio avvenuto i carabinieri sono intervenuti fermando i tre truffatori e portandoli in caserma. Il 43enne di Napoli e’ stato arrestato mentre i suoi 2 complice sono stati denunciati a piede libero per il reato di tentata truffa in concorso. L’intervento dei carabinieri e’ stato ripreso da una troupe della trasmissione televisiva “Le Iene” che era stata contattata dal venditore.

Leggi anche:
– Circum, ennesimo disservizio: treno per Napoli fa ritardo per un’ora, rabbia dei pendolari
– Napoli, spari sul lungomare per vendetta Preso l’autore del raid dell’otto aprile
– Napoli, si spara ancora: un morto e un ferito. Raid a San Giovanni a Teducci
– Sarno, muore bimbo di due anni: sospetta meningite, indaga anche la procura
– Napoli | 
Luigi Galletta, il meccanico innocente ucciso dalla «paranza dei bambini»: condannato a 18 anni il baby killer al soldo dei Sibillo
– Le 10 vittime della furia del maltempo. Cinque regioni piangono i loro ‘figli’ Dramma dei Ramponi a Dimaro | Storie e volti

mercoledì, 31 ottobre 2018 - 15:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA