Di cosa parliamo oggi nel quotidiano digitale | Domenica 4 novembre 2018


Per completare le notizie che ogni giorno offriamo in modo gratuito sul nostro sito, la redazione di Giustizia News24 sviluppa tutti i giorni un quotidiano in edizione digitale (non c’è versione cartacea) che è possibile leggere su abbonamento. E ogni giorno vi mostriamo la prima pagina del quotidiano digitale affinché tutti i nostri lettori possano valutare il nostro prodotto e scegliere se abbonarsi.
Ecco i temi che abbiamo scelto nell’edizione di oggi:

Prescrizione | Ce ne stiamo occupando da tempo, da quando già nel contratto di Governo è stata inserita la formula ‘riforma della prescrizione’. E in questi caldi giorni di polemiche gli approfondimenti sono stati numerosi. Oggi però ci apriamo il giornale, la prima pagina del quotidiano. Due avvocati, peraltro entrambi al Governo, sono in netta contrapposizione sulla riforma: Giulia Bongiorno la boccia, Bonafede la acclama. Vi spieghiamo dal punto di vista politico, degli equilibri, cosa rappresenti questa riforma con le relative prese di posizione; vi spieghiamo anche nel dettaglio perché la Bongiorno la critica, su quali corde invece spinge Bonafede. E ci fermiamo anche sull’insulto del ministro all’avvocatura.

Maltempo | Anche oggi due pagine di approfondimento. Una dedicata alla Sicilia e l’altra al Veneto. In Sicilia dopo l’affondo del Governatore Musumeci qualcosa sembra essersi mosso: abbiamo registrato uno scatto d’orgoglio da parte di pezzi di questa terra che, se oggi è devastata dal maltempo, è soprattutto colpa di chi non ne ha avuto cura, abbandonandola al suo destino. Oggi tutti chiedono a Musumeci un’azione incisiva e rapida contro chi ha fatto morire lentamente. E l’analisi di quanto sta accadendo ci è sembrata doverosa e vi abbiamo dedicato il secondo titolo più importante della prima pagina di oggi: il cosiddetto ‘taglio’. L’altra pagina è dedicata alla catastrofe in Veneto e nel Bellunese dove oggi si recherà Salvini.

Le storie | Tante storie di Giustizia. Con una pagina speciale dedicata a grandi e piccoli fatti che hanno scandito la settimana della giustizia in Italia. Come la condanna di un ragazzo per violenza sessuale sulla nipotina che aveva 12 anni; la condanna di un avvocato per un falso testamento che gli avrebbe consentito di guadagnare 850mila euro. E altre notizie

La politica | Di Maio sempre più in difficoltà, ora anche le vittime del ‘salvabanche’ si rivoltano contro i 5 Stelle, li accusano di ‘tradimento’. Lui però su Facebook li invita ad un incontro e accusa i giornali di creare confusione e di mettere le persone contro i 5 Stelle.

La cronaca da Napoli | Due pagine interne sono dedicate a Napoli, perché è in questa città che il nostro giornale ha sede. Dunque, una pagina l’abbiamo dedicata ai parcheggiatori abusivi, vera piaga, e al ‘Piano Napoli’ predisposto per stanare i guardamacchine. Un’altra pagina, ancora, è stata dedicata invece agli eventi di cronaca più importanti di ieri.

Non solo cronaca ma anche cultura | Il giornale si chiude con due pagine sugli appuntamenti più importanti di cultura.

Questi approfondimenti sono disponibili sul quotidiano digitale. Il quotidiano digitale – uguale ai quotidiani cartacei per concetto di grafica, di ‘testo unico’ delle notizie – è un giornale nuovo. Pensato in modo nuovo. Abbiamo rinunciato alla versione cartacea (la tradizione) per sposare la tecnologia (internet), ma senza rinunciare all’importanza degli approfondimenti e alla leggibilità che solo un giornale – inteso come una sorta di testo unico – può dare. Giustizia News24 è soprattutto un giornale libero, indipendente. E che ha al suo attivo abbonati che hanno scelto di sostenerci, e credono nel nostro giornale. Abbonati che non si sono lasciati intimorire dal dover pagare per leggere, e che anzi hanno compreso l’importanza di un’informazione controllata. E quindi che va pagata. Ci auguriamo che i nostri abbonati crescano di numero (basta accedere alla sezione ‘Sfoglia il Quotidiano’; oppure potete scriverci alla mail redazione@giustizianews24.it). Giorno dopo giorno. E noi giorno dopo giorno continueremo a mostrarvi la prima pagina del quotidiano digitale.

domenica, 4 Novembre 2018 - 01:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA