Napoli, follia criminale: lei lo lascia, lui la sequestra e la riempie di botte, 52enne finisce in prigione

Cella Carcere

Lei lo lascia, lui la sequestra e la riduce in fin di vita. I Carabinieri della stazione di San Pietro a Patierno, a Napoli, hanno arrestato, con l’accusa di tentato omicidio e sequestro di persona, in esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip di Napoli, un 52enne già noto alle forze dell’ordine. I medici del pronto soccorso del “San Giovanni Bosco” avevano contattato la centrale operativa dei carabinieri segnalando che era stata appena accolta una donna con segni di maltrattamenti. Ai militari arrivati in ospedale la vittima ha denunciato di essere stata ridotta in quel modo dall’ex compagno: con il 52enne aveva intrattenuto una relazione per circa 9 mesi e durante quel periodo – secondo il suo racconto – aveva fatto più di una volta ricorso alla violenza, sempre accusandola di averla tradita e, a dire della donna, spesso avrebbe assunto cocaina.

Poco tempo fa lei aveva deciso di interrompere il legame andando a vivere a casa della figlia e quella mattina, all’alba, mentre usciva da li’ per andare a lavoro, si era imbattuta nell’uomo. Lui l’aveva afferrata urlando: «sei mia, non puoi scappare! se scappi ti ammazzo con il cacciavite!» e l’aveva tirata nella sua auto. Poi l’aveva portata a casa sua e, dopo un approccio sessuale fallito, l’aveva chiusa dentro tenendola imprigionata per 12 ore. Durante quelle ore la donna ha denunciato di essere stata continuamente percossa con pugni e calci, alzata da terra venendo presa per i capelli; lui le avrebbe sbattuto la testa contro la testata del letto e tentato piu’ volte di soffocarla con una coperta. Di sera l’ex l’ha sbattuta fuori casa: lei e’ scesa dalle scale e si e’ imbattuta in un passante che l’ha portata li’ in ospedale. Il gip di fronte a questa denuncia e ad un quadro clinico indicante un pericolo di morte, ha emesso la misura cautelare per tentato omicidio e sequestro di persona. L’uomo ora e’ in carcere.

—->>> Leggi anche:
– Strage in Sicilia | Il maltempo provoca 10 morti a Palermo e 2 ad Agrigento. E solo con la strage il Governo si ricorda dell’isola
– Prescrizione, Salvini furioso dopo le insinuazioni di Bonafede sul rispetto del ‘contratto’ : «La Giustizia è affare serio»
– Prescrizione, Giulia Bongiorno striglia Bonafede: «Sarà una bomba atomica». E lui insulta gli avvocati: «Azzeccagarbugli»
– Andrea, morto sul lavoro a soli 18 anni: era al primo impiego, c’è un primo indagato come atto dovuto
– Intrighi di famiglia | Un’eredità milionaria contesa e un falso 
testamento: avvocato condannato. L’atto gli assicurava 850mila euro
– Bagagli a mano, l’Antitrust ferma Ryanair. Ma c’è già chi ha pagato il supplemento, la compagnia aerea promette ricorso

domenica, 4 Novembre 2018 - 13:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA