Foggia, è morto l’uomo gravemente ustionato nell’incendio del 1 novembre

sanità

Era rimasto gravemente ustionato nel rogo che aveva interessato, il primo novembre all’alba, il ghetto di Borgo Mezzanone (baraccopoli abusiva sorta poco distante da Foggia) ed era trasportato al policlinico di Bari in condizioni gravissime, ma non ce l’ha fatta. Aveva ustioni sull’80% del corpo. La vittima non è ancora stata identificata con certezza. Si tratterebbe di un cittadino del Gambia di circa 30 anni. Secondo alcune testimonianze raccolta tra i volontari che operano nel ghetto, l’incendio si è verificato nella zona nord della baraccopoli quella dove vivono prevalentemente cittadini gambiani. Le indagini per accertare le cause che hanno scatenato il rogo, il secondo a distanza di due giorni, sono affidate agli agenti della squadra mobile di Foggia.

 

Leggi anche:
– Abusi edilizi in Campania, Legambiente denuncia: «Il 97% resta in piedi. Intreccio tra illegalità e politica solido»
– La Chiesa non ha versato l’Ici all’Italia, sentenza della Corte Ue: «L’Italia deve riscuotere i soldi»

– Borsellino, il Viminale chiede i danni a 3 poliziotti accusati di depistaggio delle indagini sulla strage di via D’Amelio: 60 milioni di euro | Il processo, il caso
– Prescrizione, Cantone boccia Bonafede: «Con la certezza che i processi sono eterni, i processi non si svolgeranno mai»
– Prescrizione, il ‘bluff’ dell’emendamento ritirato; l’analisi politica; le polemiche; il punto di vista di un magistrato | I nostri approfondimenti sul quotidiano digitale
– Bagagli a mano, l’Antitrust ferma Ryanair. Ma c’è già chi ha pagato il supplemento, la compagnia aerea promette ricorso

 

martedì, 6 Novembre 2018 - 19:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA