Ryanair, gli assistenti di volano protestano con una foto ‘forte’ e la compagnia li licenzia in tronco per danno all’immagine

La foto di 'protesta' di sei assistenti di volo che ha spinto Ryanair a firmare sei licenziamenti

Mano pesante di Ryanair, la compagnia area low cost finita in Italia al centro delle polemiche e bacchettata dall’Antitrust per la policy sul pagamento del bagaglio a mano, nei confronti di sei assistenti di volo che erano stati fotografati mentre dormivano sul pavimento di una sala d’attesa dell’aeroporto di Malaga, in Spagna. I sei assistenti di volo sono quindi stati licenziati «per violazione del contratto sulla base di gravi comportamenti»: secondo la compagnia la foto era una messa in scena per sostenere una «falsa rivendicazione». La foto aveva fatto il giro del web ed era stata rilanciata dai media internazionali, nei quali si riportava che i sei membri dell’equipaggio erano stati «costretti a dormire sul pavimento» della sala d’aspetto dell’aeroporto, perché la compagnia aerea non pagava loro un hotel per trascorrere la notte. L’azione dei sei assistenti di volo, che facevano base in Portogallo, ha affermato Ryanair in un comunicato, ha «danneggiato la reputazione del loro datore di lavoro e causato un danno irreparabile al rapporto di fiducia».

Dopo la diffusione della foto il mese scorso, Ryanair aveva a sua volta pubblicato online le immagini riprese da una telecamera di sicurezza presente nella stanza, nella quale comparivano i dipendenti in uniforme che si alzavano dalle sedie sulle quali erano seduti per sdraiarsi a terra e mettersi in posa per la foto. Il sindacato portoghese SNPVAC, che rappresenta i sei dipendenti licenziati, ha sostenuto che la foto era un “gesto di protesta” contro le condizioni nelle quali si erano venuti a trovare i membri dell’equipaggio, bloccati in Spagna da una tempesta. I fatti risalgono allo scorso 14 ottobre, quando oltre 20 dipendenti Ryanair, di servizio su voli diretti a Oporto, in Portogallo, rimasero bloccati a Malaga a causa del maltempo. Gli equipaggi, ha sostenuto Ryanair, trascorsero un breve periodo di tempo in una sala d’aspetto, prima di essere trasferiti in una sala vip, per poi fare ritorno a Oporto il giorno seguente.

Leggi anche: 
– Pernigotti, dopo 160 anni chiude lo stabilimento di Novi Ligure: 100 licenziati, addio gianduiotti. Sindacati in rivolta
 Dl sicurezza, il decreto passa al Senato: ma è crisi nei Cinque Stelle, 5 grillini non votano per protesta e scatta l’inquisizione
– Vendevano abbonamenti per false riviste delle forze dell’ordine: 12 indagati a Milano
– Brescia, inchiesta su un giro di droga: 22 arresti, c’è anche il presidente di una squadra di serie D
– Caserta, carabiniere insegue un ladro: un treno lo investe, morto sul colpo
– Abusi edilizi in Campania, Legambiente denuncia: «Il 97% resta in piedi. Intreccio tra illegalità e politica solido»
– La Chiesa non ha versato l’Ici all’Italia, sentenza della Corte Ue: «L’Italia deve riscuotere i soldi»

– Borsellino, il Viminale chiede i danni a 3 poliziotti accusati di depistaggio delle indagini sulla strage di via D’Amelio: 60 milioni di euro | Il processo, il caso
– Prescrizione, Cantone boccia Bonafede: «Con la certezza che i processi sono eterni, i processi non si svolgeranno mai»
– Bagagli a mano, l’Antitrust ferma Ryanair. Ma c’è già chi ha pagato il supplemento, la compagnia aerea promette ricorso

mercoledì, 7 Novembre 2018 - 15:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA