A Marano sequestrata una villa di 17 vani Intestata a prestanome, era dei Polverino

Villa Polverino
La villa sequestrata

Eseguito un decreto di sequestro preventivo dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale su richiesta della dda, dal Tribunale di Napoli, di una lussuosa villa (di 17,5 vani) ubicata a Marano. Il sequestro è stato eseguito nei confronti del proprietario dell’immobile, Gennaro Di Razza, ritenuto responsabile, in concorso con Giuseppe Polverino e Filomena Schiano (moglie del capo clan), del reato di intestazione fittizia aggravato dalle finalità mafiose e di reimpiego di capitali illeciti, aggravati dalle finalità mafiose, avendo compiuto operazioni volte ad ostacolare l’identificazione della provenienza delittuosa del denaro e delle altre utilità provento di delitti stipulando un mutuo ipotecario con banca che gli concedeva 320.000 euro per l’acquisto dell’immobile oggetto del sequestro.

Il provvedimento scaturisce dagli elementi indiziari acquisiti all’esito di una complessa attività investigativa, coordinata dalla dda di Napoli, che hanno permesso di individuare Di Razza come il prestanome del clan Polverino. Le acquisizione investigative (intercettazioni ed approfonditi accertamenti patrimoniali) sono poi ulteriormente confermate dalle dichiarazioni precise e concordanti dei collaboratori di giustizia che hanno indicato nel capo clan Giuseppe il reale proprietario del lussuoso immobile oggetto del sequestro. Secondo il provvedimento del giudice, Giuseppe Polverino, per il tramite della propria moglie, avrebbe poi stipulato con Gennaro Di Razza, imprenditore puteolano nel campo alberghiero e della ristorazione ed intestatario fittizio del citato immobile, un contratto di locazione di “copertura” per fornire mensilmente le somme necessarie per il pagamento del mutuo stipulato. Disposto il sequestro preventivo d’urgenza dell’immobile composto da 17 vani ed ubicato nel comune di Marano di Napoli del valore complessivo di un milione di euro.

Leggi anche:
– Milano, rapinano una farmacia ma cadono sui dissuasori e si sparano addosso
– Bocciato il condono per Ischia, i sei parlamentari campani di Fi si autosospendono: strappo negli ‘azzurri’
– Pressioni per orientare una nomina all’Asl, condannato ex presidente del Consiglio regionale della Campania
– Caivano, il figlio del boss in gonnella: «Ho iniziato che avevo 14 anni con 10 grammi di hashish, ora vengono 80 chili di erba»
– Economia, il venerdì degli sconti pazzi | Torna il ‘Black Friday’: da prodotti di tecnologia, a vestiti, cosmetici e voli. Chi aderisce all’iniziativa
– Imputati detenuti ammassati in gabbia e avvocati in piedi per quasi otto ore | Le disfunzioni del sistema Giustizia
– Ryanair e Wizz Air, il bagaglio a mano si paga ancora: 
Antitrust ignorata, scatta anche la denuncia in procura

mercoledì, 14 Novembre 2018 - 18:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA