A Napoli una lite sfocia in tragedia, uomo 36enne ammazzato a coltellate


Una lite si è trasformata in tragedia. Un uomo ucraino di 36 annni è stato ammazzato a coltellate la scorsa notte a Napoli durante una lite scoppiata con un altro straniero dell’est Europa. Sul fatto, avvenuto intorno alle 22.30 nel quartiere Stella, indagano i carabinieri.
La vittima è stata colpita a diverse parti del corpo ma gli sarebbero stati fatali i colpi alla gola e all’altezza del cuore. I testimoni hanno riferito di un diverbio degenerato in uno scontro fisico, fino alle coltellate fatali.

La vittima è Iurii Busuiok, incensurato, che lavorava come manovale. I carabinieri della Stazione Stella sono giunti sul luogo dell’omicidio dopo una segnalazione e hanno trovato il corpo dell’ucraino. Stanno svolgendo indagini anche i militari della sezione investigazioni scientifiche. Diverse persone sono state sentite dai carabinieri nel tentativo di ricostruire il fatto – scaturito dall’uso eccessivo di alcol o da motivi passionali – e di giungere all’identificazione della persona, probabilmente un cittadino di un Paese dell’Est, che ha utilizzato il coltello per ammazzare Busuiok. Gli investigatori cercano di fare luce sulla vicenda anche con l’uso dei filmati del sistema di videosorveglianza della zona.

Leggi anche:
– Partito l’obbligo degli appalti telematici Crollate le gare, giù del 40% L’allarme lanciato dall’Asmel
– Genova, crollo del ponte Morandi: indennizzo anche per gli inquilini sfollati
– Parigi, la dura guerra dei ‘gilet gialli’ Ma nella lotta si infiltrano i casseurs: brucia la città, 110 feriti e 270 fermi
– Napoli, a 63 anni muore Fantastichini, il cordoglio di amici, colleghi e conoscenti
– A Pantelleria scoperte oltre 6 tonnellate di hashish su un veliero: il carico sequestrato ha un valore di 50 milioni di euro
– A Capua acque reflue nel fiume Volturno: indagate 5 persone tra cui 2 ex sindaci
– Detenuto suicida in cella, la Cassazione condanna il ministero della Giustizia: dovrà risarcire i parenti del defunto

domenica, 2 dicembre 2018 - 10:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA