Gli italiani bocciano la Giustizia: costosa e lenta, i dati della sfiducia nel rapporto Censis

Tribunale Giustizia

Costosa, lenta e incapace di garantire la tutela dei diritti. E’ un giudizio pesante quello che gli italiani danno della giustizia nel rapporto Censis 2018. Un terzo della popolazione adulta (il 30,7%), vale a dire 15,6 milioni di persone, negli ultimi due anni ha infatti rinunciato ad intraprendere un’azione giudiziaria volta a far valere un proprio diritto; un comportamento diffuso trasversalmente in tuta la popolazione ma piu’ forte al sud, dove raggiunge il 37,5%. I perché sono diversi: per il 29,4% il problema sono i costi eccessivi, il 26,5% lamenta invece la lunghezza dei tempi necessari per arrivare a un giudizio definitivo e il 16,2% si dice sfiduciato della magistratura e del funzionamento della giustizia. Ma non solo: il 38,2% degli italiani ritiene che nell’ultimo anno la giustizia è peggiorata (nel Sud la quota sale al 41,1%) e il 52,6% ritiene che non ci sono stati cambiamenti. Il risultato è che 7 italiani su 10, conclude il Censis, pensano che il sistema giudiziario non garantisca pienamente la tutela dei diritti fondamentali dell’individuo. (Sul quotidianio digitale di sabato 8 dicembre, accessibile su abbonamento, un approfondimento sul rapporto Censis. Per leggere il quotidiano basta accedere alla sezione ‘Sfoglia il Quotidiano’ e scegliere la formula di abbonamento). 

Leggi anche:
– A Bari sequestrati beni per 60 milioni, blitz e arresti dalle prime ore del mattino
– A Napoli, uomo muore d’infarto durante una colluttazione in un tentativo di rapina
In sella a una moto tentano di investire degli agenti della polizia municipale: perdono una pistola durante la fuga
Lecce, ai domiciliari il pm Arnesano: soldi e sesso per aggiustare i processi.

Indagati 2 avvocati, una va ai domiciliari
– Imprenditore arrestato a Castellammare di Stabia, i sospetti legami con la politica e gli ambienti giudiziari. La pista degli investimenti illeciti per favorire la camorra | La storia

venerdì, 7 dicembre 2018 - 16:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA