Melito, spaccio di droga nella ‘219’: arrestate due persone sorprese a vendere sostanze stupefacenti

carabinieri

Spaccio di sostanze stupefacenti a Melito: è l’accusa con la quale due persone sono state arrestate dai carabinieri all’interno delle palazzine della ‘219’. In manette sono finiti Luigi T., di 33 anni del posto, e Alfonso P. 34enne di Napoli. I carabinieri hanno fatto ‘irruzione’ nel rione ed hanno notato i due mentre conducevano un’attività di spaccio: Luigi T. era quello addetto a cedere le dosi agli acquirenti, mentre Alfonso P. indirizzava gli acquirenti e ne riceveva il pagamento. Nelle zone circostanti i carabinieri hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro 100 bussolotti di crack, 22 dosi di cocaina, 72 stecche di hashish e 48 bustine di marijuana. I due arrestati sono stati trasferiti in carcere, a Poggioreale, dove era attendono di comparire dinanzi al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli per l’udienza di convalida del fermo.

Leggi anche: 
– Ancona, la strage di minori in discoteca: otto ragazzini sono in pericolo di vita, ecco le sei vittime della tragedia
– A Bari sequestrati beni per 60 milioni, blitz e arresti dalle prime ore del mattino
– A Napoli, uomo muore d’infarto durante una colluttazione in un tentativo di rapina
In sella a una moto tentano di investire degli agenti della polizia municipale: perdono una pistola durante la fuga
Lecce, ai domiciliari il pm Arnesano: soldi e sesso per aggiustare i processi.

Indagati 2 avvocati, una va ai domiciliari
– Imprenditore arrestato a Castellammare di Stabia, i sospetti legami con la politica e gli ambienti giudiziari. La pista degli investimenti illeciti per favorire la camorra | La storia

sabato, 8 dicembre 2018 - 13:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA