Palermo, polemica avvocati-Bonafede L’ufficio stampa di via Arenula smentisce i legali: «Invitati, hanno risposto via Pec»

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede

Gli avvocati sostengono di non essere stati invitati al convegno organizzato dal ministero della Giustizia all’interno del Tribunale del capoluogo partenopeo. Ma da via Arenula smentiscono ogni cosa e rilanciano. Scoppia il caso e, è il caso di dire, il caos.

A dare fuoco alle polveri ci ha pensato l’avvocato Francesco Greco, presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati: «L’avvocatura non è stata invitata», ha detto riferendosi al convegno “Costruire il futuro della convenzione di Palermo” organizzato per oggi al Palazzo di giustizia del capoluogo siciliano. Per questa ragione, prima dell’inizio dei lavori, Greco ha incontrato il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e ha rappresentato il mancato invito, spiegando che per tale ragione l’avvocatura non si sarebbe accomodata in platea. Bonafede ha porto anche le sue scuse, cercando di mediare: «La mia attenzione nei confronti dell’avvocatura è massima Probabilmente si è trattato di un disguido, non sono io ad occuparmi della logistica. Mi scuso per quanto è successo e la invito a restare e a partecipare». Ma il presidente del Consiglio dell’Ordine non ne ha voluto sapere e ha rilasciato una dichiarazione piccata: «L’avvocatura va considerata, non calpestata».

Intorno alle cinque di oggi pomeriggio è arrivata però la smentita direttamente dal ministero della Giustizia, che non ha digerito bene la figuraccia a cui è stato esposto il ministro Bonafede. «È destituita di ogni fondamento la dichiarazione rilasciata ad alcuni organi di stampa dal presidente dell’Ordine degli avvocati di Palermo, Francesco Greco, secondo cui non sarebbe stato invitato al convegno ‘Costruire il futuro della Convenzione di Palermo’. L’invito, come da prassi, è stato inoltrato dalla Corte d’Appello tramite e-mail in data 14 dicembre», rende noto l’ufficio stampa del ministero della Giustizia. Non solo: da via Arenula viene sottolineato che «dalla segreteria dell’avvocato Greco, tra l’altro, lo scorso 17 dicembre è giunta conferma tramite Pec della presenza all’evento». Di più: «Al presidente dell’Ordine degli avvocati di Palermo – spiegano dall’ufficio stampa del ministero – era stato anche riservato un posto all’interno dell’Aula Magna del Palazzo di Giustizia. Il ministro Bonafede si è semplicemente dispiaciuto della mancanza di una rappresentanza degli avvocati nel tavolo dei relatori».

giovedì, 20 dicembre 2018 - 17:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA