Avvocati-Bonafede, soap opera a Palermo Il presidente dell’Ordine contro-replica: «Invito mai arrivato, il ministero mente»

Alfonso Bonafede
Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede

Prima le accuse del presidente dell’Ordine degli avvocati di Palermo Francesco Greco sul mancato invito al convegno organizzato dal ministero della Giustizia nel Tribunale siciliano. Poi la dura replica dell’ufficio di via Arenula che ha rivelato come l’invito sia stato trasmesso tramite mail e come, via Pec, l’Ordine abbia pure risposto confermando la presenza di una delegazione. E adesso, a 24 ore dalla bufera mediatica che impazza, arriva la controreplica dell’avvocato Greco che, evidentemente, non ci sta a passare per bugiardo né per uno che ha voluto strumentalizzare l’evento allo scopo di inasprire i rapporti, già assai tesi, tra il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e il mondo dell’avvocatura tutta.

Diventa una telenovela l’incidente che si è consumato giovedì mattina nel capoluogo siciliano in occasione del dibattito dal titolo “Costruire il futuro della convenzione di Palermo”. L’ultima puntata dello show ha come protagonisti gli avvocati palermitani. O meglio l’avvocato Francesco Greco, che in una composta lettera inviata a Bonafede, accusa in buona sostanza il ministero di mentire. «Sa bene, signor Ministro, che il contenuto del comunicato del Ministero non risponde al vero», scrive Greco. L’avvocato Greco prova a togliersi anche qualche sassolino dalla scarpa, e ricorda a Bonafede come egli sia stato invitato dagli avvocati di Palermo in occasione della premiazione delle ‘toghe’ con 50 e 60 anni di professione e come Bonafede all’appuntamento non si sia presentato per impegni istituzionali. Concludendo la lettera, un risentito Greco scrive poi che «sarebbe bastato, per chiudere quello che Lei stesso ha definito un disguido, che dichiarare il Suo rammarico per l’accaduto, piuttosto che far pubblicare dal Ministero una nota che riferimento ad una Pec, come sa mai inviatami».

Parole che sembrano macigni e che amplificano la forte contrapposizione esistente tra il ministro Bonafede e il mondo dell’avvocatura per via delle riforme in materia di Giustizia che il Governo giallo-verde ha già adottato o intende adottare. Ad ogni modo sul caso Palermo, suggeriamo, sarebbe opportuno che le parti in causa chiudessero la vicenda con una stretta di mano. Del resto di argomenti sul quale darsi battaglia ce ne sono numerosi e riguardano aspetti più importanti per la vita dei cittadini, quale è la Giustizia.

Leggi anche:
Vienna, spari in un ristorante: torna la paura, un morto e un ferito
– Soldi per sentenze favorevoli: sequestrati beni per un milione mezzo di euro al giudice di pace Iannello che lavorava a Torre Annunziata (Napoli) | Video
– Divieto di dimora in Campania per 8 parcheggiatori abusivi, estorsioni organizzate come un’azienda: l’inchiesta a Napoli sull’organizzazione che agiva alle spalle dell’Università Federico II
– Clan stabiesi, il Riesame blinda l’indagine: arresti confermati, respinta l’eccezione della difesa che voleva nulli atti d’indagine

 

venerdì, 21 Dicembre 2018 - 18:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA