Soldi e sesso per aggiustare procedimenti Dopo 21 giorni di carcere, il pm Arnesano va agli arresti domiciliari

Tribunale Giustizia

Dopo 21 giorni di carcere, il pubblico ministero Emilio Arnesano torna a casa. Agli arresti domiciliari. Lo hanno stabilito nella giornata di ieri, giovedì 27 dicembre, i giudici del Tribunale del Riesame di Potenza. Arnesano è accusato di aver “aggiustato” alcuni provvedimenti e fatto favori in cambio di benefici e rapporti sessuali. Il Riesame ha quindi confermato le accuse contestate al magistrato, ad eccezione del reato di falso in atto pubblico contestato nell’ordinanza per la compravendita di una barca: in merito a questo punto i giudici del Riesame hanno revocato la misura della custodia cautelare in quanto, come sostenuto dai legali di Arnesano, si trattava di una scrittura privata autenticata e non di un atto pubblico di compravendita.

Nei giorni scorsi l’inchiesta della procura di Potenza che aveva portato in carcere Arnesano ed era culminata in altre misure cautelari è sfociata in altri due provvedimenti cautelari che hanno riguardato altrettanti avvocati. Il gip del Tribunale di Potenza Amerigo Palma ha disposto l’interdizione dall’esercizio della professione per la durata di un anno per l’avvocato Federica Nestola, 32 anni di Copertino: dalle indagini, che poggiano sulle intercettazioni, è emerso che la donna è stata raccomandata all’esame di abilitazione (sessione 2017) da Arnesano in cambio di prestazioni sessuali; la 32enne aveva cercato una raccomandazione essendo stata già bocciata cinque volte all’esame (con la sesta bocciatura non avrebbe più potuto rifare l’esame). A raccomandarla sarebbe stata un altro avvocato, già finita ai domiciliari, e a sua volta favorita dal pm Arnesano, sempre in cambio di rapporti sessuali, in alcuni procedimenti dove l’avvocato era impegnata come difensore di parte. Severo il giudizio espresso dal gip sul conto di Federica Nestola: «Ha dimostrato di essere un soggetto disposto a tutto, pur di fare carriera: costei tanto timorosa di affrontare la prova orale dell’esame di avvocato, peraltro per non aver studiato nulla, non ha alcun timore di presentarsi nella stanza di un giudice per accordarsi con lo stesso». Poi il gip esprime una valutazione sulla professionalità dell’avvocato: «…attesa la impreparazione professionale e la possibilità di esercitare la professione forense, ovvero di partecipare a concorsi pubblici dopo avere conseguito illegittimamente l’iscrizione all’albo».

Disposta, invece, l’interdizione per due mesi dell’avvocato Augusto Conte, 77 anni, di Ceglie Messapica, da componente del Consiglio distrettuale di disciplina. L’ex presidente del Consiglio dell’Ordine di Brindisi si era messo a disposizione del pm Arnesano in occasione di un procedimento disciplinare a carico di Manuela Carbone, avvocato vicina ad Arnesano. Il gip sostiene che Conte «si mostra servile verso Arnesano verso la sua proposta: ha trovato il modo di farselo amico e si pone nella condizione di potergli chiedere in futuro un favore. E’ evidente che essendo Conte un avvocato e lui un pubblico ministero, l’occasione si porrà presto». (Leggi anche il pezzo sugli arresti del 6 dicembre e tutte le accuse contestate)

Leggi anche:
–  Omicidio Capacchione nel Salernitano, fermato il presunto assassino
– Pittella (Pd) e lo scandalo Sanità lucana: oggi nuova udienza al Riesame, conto alla rovescia per la decisione
– Assicurazioni online, sequestrati 7 siti: scoperta mega truffa da 6 milioni di euro Dodici indagati, trovati 19 siti fittizi
– Inter-Napoli, tre arresti per gli scontri. Il Questore: «Agguato ignobile da parte degli ultrà dell’Inter, divieto di trasferte»
– Inter-Napoli, scontri tra tifosi: deceduto un 35enne dell’Inter, investito da un van

venerdì, 28 dicembre 2018 - 00:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA