Napoli, lei chiede la separazione: lui ottiene di incontrarla e si presenta con una bottiglia di benzina

Cella Carcere

Un matrimonio fatto di minacce, di urla, di pressioni. Otto anni di convivenza impossibile. Di un amore solo promesso ma mai donato. Sara (il nome è di fantasia) aveva trovato il coraggio di dire basta a quella vita insieme senza sorrisi, senza speranza e se n’era andata di casa chiedendo la separazione. Ma lui, 32 anni, quella separazione non voleva accettarla.

E così ieri, quando i due si sono incontrati dietro insistenza di lui, l’uomo si è presentato all’appuntamento con una bottiglia contenente benzina, minacciando di dare fuoco all’appartamento dove la donna aveva vissuto fino a poco tempo prima. 
Siamo a Secondigliano, quartiere alla periferia nord di Napoli. E’ stato un vicino di casa a chiamare il 112. E così Sara ha finalmente denunciato raccontando il suo calvario. Quello lungo otto anni, e quello in cui era piombata quando ha deciso di lasciare il marito.

Sono stati mesi di telefonate continue, di richieste di tornare insieme, di richieste di incontri. Mesi terminati ieri sera con l’arresto del 32enne. I carabinieri l’hanno condotto in carcere, dove l’uomo resta in attesa di comparire dinanzi al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli per affrontare l’udienza di convalida del fermo.

Leggi anche:
Booking (il sito per prenotare vacanze) finisce sotto inchiesta, l’accusa dei pm di Genova: evasione dell’Iva
Manovra, il giorno del voto tra proteste del Pd che sarà in piazza e l’art. 72 della Costituzione ignorato
Ammazzato perché abusò di una 15enne, eseguiti 2 arresti per il delitto Matarazzo. I pm: «Fu un delitto su commissione»
– L’ordine dei giornalisti omaggia Giovanni Battiloro e Antonio Megalizzi
– Soldi e sesso per aggiustare procedimenti Dopo 21 giorni di carcere, il pm Arnesano va agli arresti domiciliari
– Inchiesta sui clan di Castellammare, nuove accuse per Greco: soldi a 3 funzionari dell’Agenzie delle Entrate

sabato, 29 dicembre 2018 - 14:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA