16.9 C
Napoli
lunedì, 28 Settembre 2020

Acerra, sgomberato un campo rom abusivo Il video dell’abbattimento


Un campo rom abusivo sgomberato questa mattina ad Acerra, nel Napoletano, dove sono state anche avviate le operazioni per l’abbattimento delle baracche utilizzate dai nomadi. Una ventina le baracche realizzate in un terreno privato in ‘area di Settembre’, dove stamattina è stato avviato lo sgombero e abbattimento dopo un’ordinanza emessa circa tre mesi fa dal Comune.

Sul posto gli agenti della polizia municipale, personale della ditta affidataria del servizio di igiene urbana, alla presenza del sindaco di Acerra, Raffaele Lettieri. All’approssimarsi dello scadere dell’Ordinanza, infatti, alcuni rom si erano già allontanati dal campo, gli ultimi sono andati via questa mattina all’arrivo degli agenti di polizia municipale. In corso anche la demolizione delle baracche, che erano in condizioni fatiscenti, senza alcun rispetto delle norme sanitarie. «Questo è un primo passo – ha commentato Lettieri – In questo modo ripristiniamo le condizioni di legalità, di sicurezza sul nostro territorio»

Leggi anche:
– Inseguimento con incidente a Torino, muore Nunzio Giuliano: era il figlio del boss pentito Guglielmo
Di cosa parliamo oggi nel quotidiano digitale | Domenica 30 dicembre 2018
– Camorra, appello di fine anno del Questore: «I cittadini denuncino, manifestazioni e fiaccolate non bastano»
– Ancora scontri tra tifosi in A1, identificati ultras del Bologna e del Torino
Napoli, lei chiede la separazione: lui ottiene di incontrarla e si presenta con una bottiglia di benzina
Booking (il sito per prenotare vacanze) finisce sotto inchiesta, l’accusa dei pm di Genova: evasione dell’Iva
Manovra, il giorno del voto tra proteste del Pd che sarà in piazza e l’art. 72 della Costituzione ignorato

domenica, 30 Dicembre 2018 - 17:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA


error: Questo contenuto è protetto. Le informazioni, testi, fotografie e grafici non possono essere riprodotte, pubblicate o ridistribuite senza il consenso dei rispettivi titolari dei diritti.