A Napoli nasce ‘Veri good’, la griffe legale per riabilitare i talenti del falso


Riabilitare e poi riunire sotto una griffe registrata e legale i talenti che una volta erano al servizio dell’industria del falso: nasce a Napoli la prima iniziativa sociale contro l’economia parallela della contraffazione, un business da svariate centinaia di milioni di euro all’anno, che dà lavoro, in nero, a migliaia di persone.

Il progetto prende spunto da un’idea del centro studi dell’Unione Giovani Penalisti, istituito  nel nuovo palazzo di Giustizia di Napoli. Gode dell’apprezzamento del Mise e sarà presentato a Montecitorio il primo febbraio (ore 14,30), nella sala stampa della Camera dei Deputati. Un incontro al quale prenderanno parte il senatore Francesco Urraro, i deputati Gianfranco Di Sarno e Flora Frate, l’ing. Vincenzo Buonincontro e l’avvocato Gennaro Demetrio Paipais, presidente dell’Unione Giovani Penalisti di Napoli.

Il progetto intende impiegare le grandi capacità espresse da quella parte della manifattura locale finora dedita alla contraffazione. «Abbiamo creato e registrato il marchio ‘Veri Good’ – spiega Sergio Pisani – con il quale, sotto la direzione del giovane stilista napoletano Francesco Visone, sotto la spinta di società di marketing e delle istituzioni, saranno commercializzati prodotti di pelletteria, ma non solo, che non avranno nulla da invidiare a quelli delle grandi griffe di moda internazionali, così tanto imitate e sempre più spesso neppure realizzati nei Paesi europei».

Leggi anche:
– 
Skype arriva nelle carceri italiane, così cambiano i colloqui tra detenuti e familiari
– Napoletani scomparsi in Messico, gli avvocati chiedono l’intervento dell’Onu. Da un anno non si hanno loro notizie
– Lotta alle mafie, Cafiero de Raho: «Il sistema di tutela dei pentiti non funziona, stop esilio per i testimoni di giustizia»
– Vede i carabinieri e fugge, ma l’auto si ribalta nell’inseguimento: la compagna muore, arrestato 27enne di Secondigliano
– Promettevano aiuti ai concorsi pubblici, chieste otto condanne per la ‘cricca’ che in 3 anni incassò 282mila euro di mazzette

giovedì, 31 gennaio 2019 - 17:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA