Pomigliano, Luigi Di Maio torna a scuola: «I navigator formeranno figure da inserire in aziende dove mancano professionalità»

Il vicempremier Luigi Di Maio

Luigi Di Maio torna a scuola. Torna nel suo liceo ‘Imbriani’ a Pomigliano d’Arco per incontrare gli studenti e illustrare in modo particolare il piano lavoro del Governo che punta su reddito di cittadinanza e reinserimento nel mondo del lavoro anche grazie all’innovativa figura del navigator. «In questi giorni si è discusso di questa figura che abbiamo chiamato navigator. Ci sono delle aziende che non riescono a trovare figure professionali. Accade nei trasporti, nella ristorazione. I navigator servono proprio a questo, a dare gli strumenti a chi cerca lavoro per essere inseriti in realtà che mai avrebbero pensato», spiega Luigi Di Maio dal palco.

Poi il vicepremier del Consiglio parla della cittadella scolastica che dovrebbe sorgere a Pomigliano d’Arco: «I fondi per la cittadella scolastica sono stati sbloccati, e presto tornerò a Pomigliano per la posa della prima pietra di questa nuova realtà che accoglierà tutti gli studenti. Spero nei prossimi due mesi di venire qui e rimettere la prima pietra della prima cittadella scolastica. Dobbiamo fare con velocità per dare dignità a tutti gli studenti».
Prima di parlare alla platea, Di Maio si è fermato a rispondere alle domande dei giornalisti. E ha dunque parlato della scorta tolta al giornalista Sandro Ruotolo, sottolineando che «essa è una decisione assurda» e annunciando che «oggi torno a Roma e mi informerò per capire cosa è successo. I tecnici – aggiunge il ministro – devono dire se ci sono o no dei rischi per Sandro. Ma se è stata fatta una scelta imprudente, Ruotolo merita la scorta perché è uno di quei giornalisti di questa terra che si e’ battuto per la lotta alla criminalità organizzata». (Seguono aggiornamenti sulla visita del vicepremier Di Maio a Pomigliano d’Arco)

Leggi anche:
Capua, elezioni inquinate nel 2016: in carcere l’ex sindaco Antropoli (Fi) e un imprenditore vicino ai Casalesi
Minacciato di morte dai Casalesi, tolta la scorta al giornalista Sandro Ruotolo
– Avvocati, elezioni del Consiglio dell’Ordine: i 25 candidati eletti, gli sconfitti
– Napoli, nella notte si torna a sparare: 2 raid in zona Santa Chiara e Decumani Ricoverato per un malore un 62enne
– Fiamme e fumo in un’abitazione a Napoli, la polizia municipale salva 3 persone
– Minacciato di morte dai Casalesi, tolta la scorta al giornalista Sandro Ruotolo
– Falsi collaudi nell’area Pip di Marano, rinviate a giudizio 7 persone
– Cimminiello, vittima innocente del clan Libera ricorda il tatuatore con un video: Gianluca ammazzato 9 anni fa | Video
– Campobasso, detenuto evade del carcere: agente della Penitenziaria lo colpisce mentre lui si è arreso, sospeso dal servizio
– Skype arriva nelle carceri italiane, così cambiano i colloqui tra detenuti e familiari
– 
Morta a Napoli a 36 anni, Anna era incinta ma non lo sapeva: «Un’ecografia l’avrebbe salvata». Denuncia alla procura, scatta l’inchiesta

lunedì, 4 Febbraio 2019 - 10:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA