Napoli, è ancora scontro tra avvocati: il nuovo Coa non è stato convocato, in 14 scrivono per protesta alla segreteria

Toghe

Le polemiche non sono mai cessate. Prima il caso degli ineleggibili, ora lo stallo in cui è piombato il nuovo Consiglio dell’Ordine degli avvocati. A Napoli il rinnovo del ‘parlamentino’ di penalisti e civilisti continua a dividere gli avvocati. Ad una settimana di distanza dalla proclamazione dei 25 consiglieri, il Coa non è stato ancora convocato.

Tanto che gli 11 consiglieri che fanno capo all’aggregazione ‘Insieme per l’Avvocatura’, insieme ai due indipendenti Gabriele Esposito e Patrizia Intonti, e all’avvocato Hillary Sede ha scritto una lettera al consigliere anziano Roberto Fiore affinché provveda a convocare quanto prima il Coa. «Il protrarsi di questo stato di quiescenza e inattività del Consiglio oltre la prossima settimana – scrivono – comporterebbe un vulnus gravissimo per l’avvocatura napoletana del tutto prima di rappresentanza sin dal 22 gennaio», quando si è tenuta l’ultima seduta. Nella lettera si rileva, inoltre, che «l’omesso svolgimento dei compiti del Consiglio può essere fonte di danni ingenti e potenzialmente irreparabili per gli iscritti o iscrivendi, con conseguente responsabilità patrimoniale e amministrativa a carico di consiglieri colposamente inattivi».

Restano sullo sfondo il tema dei ricorsi presentati contro i quattro avvocati eletti ma che sono in odore di ineleggibilità (Maurizio Bianco, Armando Rossi, Roberto Fiore e Salvatore Impradice) e le dimissioni di Antonio Tafuri, il più votato, dalla Cassa forense. Dimissioni che Tafuri ha annunciato di depositare a stretto giro, anche perché la carica di delegato alla cassa forense e quella di presidente dell’Ordine degli avvocati di Napoli è incompatibile.

Leggi anche:
Cardito, i pusher nascondono la droga sotto le panchine dei giardini pubblici frequentati dai bambini
– Inchiesta su Di Lauro e Vanella Grassi: stangato (ex) finanziere al soldo del boss Condannati in 14, assolto Mennetta
– Accoltellati per futili motivi a Riccione: due 23enni ricoverati in gravi condizioni
– Manuel, gli aggressori restano in cella Confermata l’accusa di tentato omicidio Lui fa un audio: «Tornerò più forte»
– Uccise la moglie con un colpo di pistola, l’Appello non fa sconti a D’Aponte: confermata la condanna all’ergastolo. L’omicidio avvenne a Sant’Antimo in provincia di Napoli
– A Posillipo il percorso della vergogna: strade interrotte, muri crollati e rifiuti. La protesta dei residenti caduta nel vuoto
– Manuel e la sfida di una nuova normalità. Dice alla mamma: «Fatti forza, ce la farò». Il triste risveglio: «Non sento nulla»

sabato, 9 febbraio 2019 - 17:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA