Appalti alle ditte ‘amiche’: agli arresti domiciliari un sindaco del Casertano

Salvatore Martiello

Tentativo di induzione indebita. Questa l’accusa nei confronti del sindaco di Sparanise (Caserta) Salvatore Martiello, nei confronti del quale i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Capua e della stazione di Sparanise, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Santa Maria Capua Vetere. Nei confronti dell’indagato è stata applicata, su richiesta della Procura sammaritana, la misura degli arresti domiciliari.

Le indagini sono state avviate nel dicembre del 2017 a seguito della segnalazione di un consigliere comunale di minoranza ai Carabinieri, che elencava una serie di violazioni delle normative vigenti che, a suo avviso, erano state commesse dal Consiglio comunale di Sparanise. Tra le irregolarità segnalate ve ne erano alcune relative alla procedura indetta per l’affidamento delle manifestazioni che dovevano svolgersi in occasione delle festività natalizie 2017-2018.

Dalle indagini è emerso che il sindaco avrebbe compiuto atti diretti a indurre il presidente dell’Associazione Pro Loco di Sparanise, aggiudicataria per la manifestazione di interesse indetta dal Comune per lo svolgimento di attività culturali e di intrattenimento, a coinvolgere in tale programma determinate ditte e ad assegnare di conseguenza alle stesse ditte somme di danaro. Il sindaco avrebbe inoltre fatto capire che l’esecuzione del servizio non poteva prescindere da tali richieste.

Al rifiuto del presidente della Pro Loco di eseguire la sua richiesta, il sindaco avrebbe quindi provveduto con delibera di Giunta comunale alla revoca dell’affidamento e all’assegnazione diretta delle attività, mediante frazionamento del servizio, anche a ditte che aveva indicato allo stesso presidente della Pro Loco, giustificando il tutto alla luce di ragioni di convenienza economica per l’amministrazione, scelta che favoriva determinati operatori e determinava, di conseguenza, una maggiore spesa rispetto a quella che il Comune avrebbe sostenuto se avesse assegnato il servizio a seguito della procedura selettiva che era stata appositamente indetta.

Dalla documentazione raccolta nel corso delle indagini è stato accertato che, per la realizzazione degli eventi programmati, il Comune di Sparanise ha provveduto a liquidare la somma di 18.783,92 euro, un importo superiore ai 16mila euro previsti dal bando quale massimo contributo comunale erogabile per la realizzazione delle manifestazioni natalizie 2017-2018.

Leggi anche:
– Caserta, truffe agli anziani: prese 2 bande. Agivano in Campania, Molise e Basilicata
– Napoli, in auto con una pistola pronta a sparare, fugge all’alt dei carabinieri: preso
– Esplode distributore di benzina nella notte a Napoli: l’incendio di origine dolosa
– Foro di proiettile nel soffitto di un ospedale a Napoli: trovato un bossolo in strada
– Brusciano, sindaco denuncia i clan: «Sassaiola contro di me, raffica di intimidazioni contro i vigili» | Video
– La moglie chiede la sperazione, lui tenta il suicidio: sfiorato il dramma nel Casertano
– Napoli | Girano con la pistola pronta a sparare: in 2 tentano la fuga ma una volta bloccati uno punta l’arma contro i poliziotti a Napoli

martedì, 12 febbraio 2019 - 13:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA