Terra dei Fuochi, sequestrate 200 tonnellate di rifiuti: denunciate 17 persone

Un controllo del Noe

Più di 200 tonnellate di rifiuti abusivamente stoccati posti sotto sequestro, insieme a 500 litri di oli minerali, a 30 “big bags” di carta e pellicole fotografiche, a numerose taniche contenenti 400 litri sostanze chimiche pericolose, e ad un’area di 2.500 mq ove erano stoccati pneumatici fuori uso, rifiuti lignei e cartacei ad elevato rischio di incendio: è il bilancio di un’operazione di contrasto ai crimini ambientali effettuata tra i comuni tra le province di Caserta, Napoli e Salerno dai carabinieri del Comando per la Tutela Ambientale (Noe). Il valore dei sequestri è pari a circa due milioni di euro.

I controlli sono stati eseguiti in particolare ricomprese nella cosiddetta “Terra dei Fuochi”, area compresa tra Caserta e Napoli. Diciassette le persone denunciate in totale, per lo più amministratori e gestori di aziende operanti nel settore chimico, metallico, plastico, del trasporto trattamento e stoccaggio di rifiuti, nonché autocarrozzerie; i reati contestati sono l’attività di gestione illecita di rifiuti e l’emissione in atmosfera non autorizzate, lo stoccaggio e il deposito di rifiuti incontrollato e l’inosservanza o l’assenza delle previste autorizzazioni agli scarichi.

Leggi anche:
– Colpi di pistola contro pizzeria Di Matteo. Parla Salvatore Di Matteo: «Non mollo ma serve sicurezza»
– Maltempo | In Sicilia onda travolge un’auto: recuperato un corpo, si cercano 2 dispersi Roma, crolla un albero: 2 feriti gravi
– Napoli, furto nella pizzeria Brandi: arrestato il colpevole | Video
– Maltempo, albero si abbatte su un’auto: 45enne morto in provincia di Roma Nella Capitale è rimasta ferita una donna
La ‘spettacolarizzazione’ degli arresti, a Napoli tavola rotonda dei penalisti dopo il caso del video su Cesare Battisti

lunedì, 25 Febbraio 2019 - 14:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA