Volla, porta il figlio all’estero senza
il consenso del padre: condannata, sospesa anche la potestà genitoriale

Tribunale Nola

Il giudice monocratico del Tribunale di Nola (Napoli) ha condannato a un anno e sei mesi di reclusione, in contumacia, una donna ucraina di 29 anni accusata di sottrazione internazionale di minore. Il giudice le ha anche sospeso la potestà genitoriale. La donna il 29 gennaio 2017 è fuggita da Volla (sempre nel Napoletano) insieme con il figlio che allora aveva due anni, nel suo paese di origine, senza dire nulla al convivente, 35 anni, padre del bambino, che da allora non ha più visto il figlio.

Dopo la denuncia presentata alle forze dell’ordine iniziano le indagini e grazie all’Interpol si riesce a sapere che il piccolo sta bene. In questi due anni e mezzo i contatti tra padre e figlio sono stati rarissimi. L’ultimo contatto telefonico tra padre e figlio, che ora ha quattro anni e non parla più italiano, risale allo scorso mese di giugno.

«C’è bisogno di in un’intervento legislativo mirato sia in campo nazionale che internazionale», sostiene l’avvocato Sergio Pisani, che insieme con Angelo Pisani difende il padre. «La convenzione dell’Aja va del tutto rivista. I tempi delle procedure di rientro non tengono conto del fatto che un minore se sottratto in tenera età non rientrando in tempi ragionevoli rischia di dimenticare del tutto l’altro genitore», sottolinea il legale. «Bisogna inasprire le pene e prevedere idonee misure cautelari – aggiunge – altrimenti casi come questi continueranno a essere all’ordine del giorno. Lo Stato d’origine deve ottenere l’immediato rientro in tempi brevi».

Leggi anche:
– Esplode una bombola di gas in cella, gravemente ferito un detenuto a Vasto
Caso Consip, il Csm assolve i pm Woodcock e Carrano dalla violazione dei diritti di difesa e dignità di Vannoni
– Marco Di Lauro, fissati 2 interrogatori: deve rispondere di due nuove accuse di traffico di sostanze stupefacenti
– Melito, uccisa con tre colpi di pistola: domani Tamburrino davanti al gip, disposta l’autopsia sul corpo di Norina
– La morte di Norina tradisce Marco Di Lauro Tamburrino al pm: «Ero andato da lei per uccidermi, ho sparato a occhi chiusi»
– Finisce la fuga del boss Marco Di Lauro: arrestato dopo quasi 14 anni, stanato nella zona di Chiaiano
– Camorra, tuta bianca e nera e capo chino: il boss Marco Di Lauro esce dal covo tra gli applausi della folla | Video

lunedì, 4 Marzo 2019 - 18:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA